1 / 8
Informazioni sul titolo azionario - Intraday

 

 

UniCredit è una banca commerciale pan-europea con un modello di servizio unico nel suo genere in Italia, Germania, Europa Centrale e Orientale. Il nostro obiettivo primario è fornire alle comunità in cui operiamo le leve per il progresso, offrendo il meglio a tutti gli stakeholder e aiutando i nostri clienti e i nostri colleghi in tutta Europa a sprigionare il loro potenziale.

 

 

GUARDA IL VIDEO DEL NOSTRO BILANCIO ANNUALE E INTEGRATO 2023

Comunicati stampa

Tutti i comunicati stampa
1 / 5

Modifiche statutarie

COMUNICATO STAMPA
16 maggio 2024
  Si rende noto che il nuovo testo dello Statuto, così come modificato agli articoli 5 e 6 dall’Assemblea dei soci del 12 aprile 2024 è pubblicato sul sito internet della Società (www.unicreditgroup.eu/statuto) nonché su quello del meccanismo di stoccaggio autorizzato "eMarket STORAGE" gestito da Teleborsa S.r.l. (www.emarketstorage.it) ed è a disposizione dei Soci presso la Sede Sociale in Milano.   UniCredit S.p.A.     Milano, 16 maggio 2024     Contatti:           Media Relations e-mail: mediarelations@unicredit.eu Investor Relations e-mail: investorrelations@unicredit.eu
Scopri di più

UniCredit: aggiornamento sull’esecuzione del programma di acquisto di azioni proprie nel periodo dal 9 maggio 2024 al 10 maggio 2024

COMUNICATO STAMPA
14 maggio 2024 PRICE SENSITIVE
  Nell’ambito del programma di acquisto di azioni ordinarie UniCredit S.p.A. (la “Società” o “UniCredit”) comunicato al mercato in data 9 maggio 2024 e avviato in pari data, in attuazione dell'autorizzazione conferita dall’Assemblea degli Azionisti della Società tenutasi in data 12 aprile 2024 (la “Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023”) – sulla base delle informazioni fornite da BofA Securities Europe SA quale intermediario incaricato per dare esecuzione, in piena indipendenza (c.d. “riskless principal” o “matched principal”), alla Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023 – UniCredit rende noto, ai sensi dell’art. 2, comma 3, del Regolamento Delegato (UE) 2016/1052, di aver effettuato le operazioni di seguito indicate.   Nella tabella sottostante vengono riportate in forma aggregata su base giornaliera le operazioni di acquisto delle azioni ordinarie UniCredit (ISIN IT0005239360) effettuate nel periodo dal 9 maggio 2024 al 10 maggio 2024.   Riepilogo operazioni di acquisto dal 9 maggio 2024 al 10 maggio2024 Data Tipo operazione Volume aggregato Prezzo medio ponderato (Euro) Mercato 9 maggio 2024 Acquisto 1.327.074 35,6903 MTA 10 maggio 2024 Acquisto 994.227 36,2398 MTA   Totale 2.321.301 35,9257     Il dettaglio di tutte le operazioni di acquisto effettuate nel periodo sopra indicato è disponibile in formato Excel nel sito www.unicreditgroup.eu (sezione “Press & Media” / ”Comunicati Stampa”).   Alla data del 10 maggio 2024, a partire dall’avvio della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023, UniCredit ha acquistato un totale di n. 2.321.301 azioni, pari allo 0,14% del capitale sociale per un controvalore complessivo pari a Euro 83.394.256,82.  
Scopri di più

Verbale dell’Assemblea Ordinaria e Straordinaria 12 aprile 2024. Integrazione documenti Assemblea ordinaria 15 aprile 2021 e Assemblea ordinaria 8 aprile 2022

COMUNICATO STAMPA
10 maggio 2024
  Si rende noto che il verbale della riunione assembleare è pubblicato sul sito internet della Società www.unicreditgroup.eu/assemblea12aprile2024 nonché su quello del meccanismo di stoccaggio autorizzato "eMarket STORAGE" gestito da Teleborsa S.r.l. www.emarketstorage.it ed è a disposizione dei soci presso la Sede Sociale in Milano.   Si informa altresì che la documentazione pubblicata sul sito internet della Società relativa all’Assemblea del 15 aprile 2021 (www.unicreditgroup.eu/assemblea15aprile2021) è stata integrata col dettaglio delle votazioni relative al punto all’ordine del giorno della parte ordinaria “8. Nomina degli Amministratori” e che quella relativa all’Assemblea dell’8 aprile 2022 (www.unicreditgroup.eu/assemblea8aprile2022) è stata integrata col dettaglio delle votazioni relative al punto all’ordine del giorno della parte ordinaria “5. Nomina del Collegio Sindacale e dei Sindaci Supplenti”. In particolare con l’indicazione dei voti favorevoli/contrari alle liste per il rinnovo degli organi sociali.    UniCredit S.p.A.   Milano, 10 maggio 2024               Contatti:   Investor Relations e mail: investorrelations@unicredit.eu Media Relations e mail: mediarelations@unicredit.eu  
Scopri di più

Annuncio dell’avvio della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023

COMUNICATO STAMPA
09 maggio 2024 PRICE SENSITIVE
  UniCredit S.p.A. (la “Società” o “UniCredit”) comunica, in attuazione dell'autorizzazione conferita dall’Assemblea degli Azionisti della Società tenutasi in data 12 aprile 2024, di aver definito le modalità attuative per l’esecuzione della seconda tranche del programma di acquisto di azioni proprie per un ammontare massimo pari a Euro 1.585.250.000,00 e per un numero di azioni UniCredit non superiore a 200.000.000 (la “Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023”).   La Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023 è parte dell’ammontare residuale del payout complessivo a valere sull’esercizio 2023 pari a Euro 3.085.250.000,00, autorizzato dall’Assemblea degli Azionisti della Società tenutasi in data 12 aprile 2024 ("Residuo SBB 2023”). Come già comunicato in data 11 aprile 2024, il Residuo SBB 2023 è stato interamente autorizzato dalla BCE e verrà eseguito in due o più tranche nel corso del 2024.   Ai fini dell’esecuzione della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023, UniCredit ha conferito incarico a BofA Securities Europe SA in qualità di intermediario terzo abilitato (l’“Intermediario Incaricato”), che adotterà le decisioni in merito agli acquisti in piena indipendenza, anche in relazione alla tempistica delle operazioni e nel rispetto di limiti giornalieri di prezzo e di volume e dei termini del programma (c.d. “riskless principal” o “matched principal”).   La Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023 presenta le seguenti caratteristiche:   ·       finalità e modalità attraverso le quali gli acquisti potranno essere effettuati: la Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023 verrà implementata per le finalità di cui all’art. 5, comma 2, lett. a), del Regolamento (UE) 596/2014 (il “MAR”) e i singoli acquisti dovranno essere effettuati nel rispetto dell'art. 132 del TUF, dell'art. 144-bis del Regolamento CONSOB n. 11971/99, nonché in conformità all'art. 5 del MAR e al Regolamento Delegato (UE) 2016/1052; ·       importo massimo in denaro allocato alla Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023 e numero massimo di azioni da acquistare: gli atti di acquisto saranno effettuati, anche in parte e/o in via frazionata, per un esborso complessivo di massimi Euro 1.585.250.000,00 e, in ogni caso, non superiore a n. 200.000.000 di azioni UniCredit (pari a circa il 12% del capitale sociale di UniCredit alla data del presente comunicato); ·       durata della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023: gli acquisti saranno avviati in data 9 maggio 2024 e, sulla base del mandato conferito all’Intermediario Incaricato, si prevede che possano concludersi indicativamente entro il mese di luglio 2024; ·       corrispettivo minimo e massimo: gli acquisti dovranno essere realizzati in conformità ai limiti stabiliti dal Regolamento Delegato (UE) 2016/1052, fermo restando che il prezzo di acquisto non potrà discostarsi in diminuzione o in aumento di oltre il 10% rispetto al prezzo ufficiale che il titolo UniCredit avrà registrato nella seduta dell’Euronext Milan, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., del giorno precedente al compimento di ogni singola operazione di acquisto; ·       mercato: gli acquisiti saranno realizzati sull’Euronext Milan, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.. Le operazioni effettuate formeranno oggetto di informativa al mercato nei termini e con le modalità di cui alla normativa, anche regolamentare, vigente.   Eventuali successive modifiche della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023 verranno tempestivamente rese note al pubblico nei modi e termini previsti dalla normativa, anche regolamentare, vigente.   Le azioni UniCredit che verranno acquisite nell’ambito della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023 verranno annullate in esecuzione della delibera della predetta Assemblea.   Per ulteriori dettagli si rimanda alla relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione agli azionisti, disponibile nella sezione “Governance” del sito internet della Società (www.unicreditgroup.eu) e sul meccanismo di stoccaggio eMarket STORAGE (www.emarketstorage.it), e alla delibera autorizzativa approvata dall’Assemblea che sarà pubblicata sui medesimi siti internet.   Milano, 9 maggio 2024    Contatti Media Relations: e-mail: mediarelations@unicredit.eu Investor Relations: e-mail: investorrelations@unicredit.eu  
Scopri di più

UniCredit: Risultati di Gruppo 1TRIM24. Crescita redditizia di qualità per il tredicesimo trimestre consecutivo

COMUNICATO STAMPA
07 maggio 2024 PRICE SENSITIVE
  Significativa creazione di valore a venire   Utile netto eccellente pari a €2,6 miliardi, in crescita di circa il 24% rispetto al 1trim23, ed un RoTE del 23%1   Ricavi netti pari a €6,3 miliardi, in crescita del 7% rispetto al 1trim23 con NII pari a €3,6 miliardi e commissioni pari a €2,1 miliardi, in crescita grazie ad un solido slancio commerciale, sostenuto dall’attenzione verso la clientela e alimentato dalle fabbriche prodotto   Rapporto costi/ricavi leader nel settore ulteriormente migliorato al 36,2%, sostenuto da una continua efficienza operativa   Elevata e stabile qualità degli attivi con un Costo del Rischio molto basso pari a 10 pb e linee di difesa mantenute   Eccezionale creazione di valore per gli azionisti con un EPS2 in crescita del 42% e patrimonio netto tangibile per azione in crescita del 25%3 anno su anno   CET1 ratio del 16,23% in crescita di 35 punti base nel 1trim24 con l’accantonamento della distribuzione per €2,6 miliardi più che compensato dalla continua forte generazione organica di capitale per €3,4 miliardi   Guidance sull’utile netto per il FY24 aumentata ad oltre €8,5 miliardi e guidance sulla distribuzione4 a valere sul FY24 aumentata ad in linea con il 2023   Ben avviati verso il raggiungimento delle ambizioni di medio termine di un RoTE superiore al 15% e di una forte crescita dell’EPS2 e del DPS, insieme a distribuzioni sostenibili e bilanciate sostenute dalla generazione organica di capitale e alla retribuzione o utilizzo del capitale in eccesso entro il 2027   Ulteriore progresso in ambito ESG con la pubblicazione del piano di transizione verso Net Zero, e con il lancio della terza tranche di UniCredit per l’Italia per €10 miliardi     Il 6 maggio 2024 il Consiglio di Amministrazione di UniCredit S.p.A. (“UniCredit” o “il Gruppo”) ha approvato i risultati consolidati di Gruppo al 31 marzo 2024 relativi al 1trim24.   La straordinaria performance di UniCredit nel 1trim24, sostenuta da una robusta dinamica delle commissioni in tutte le categorie, contrassegna il tredicesimo trimestre consecutivo di una crescita redditizia e di qualità. Il focus strategico del Gruppo, diretto al rafforzamento delle operazioni incentrate sul cliente, ai costi e all’efficienza del capitale, ha portato ancora una volta a risultati eccellenti, posizionando UniCredit in modo ottimale per un successo e una crescita continui.   A riprova della trasformazione di UniCredit, nel 1trim24 il Gruppo ha prodotto un EPS2 in rialzo del 41,8 per cento anno su anno, un dividendo per azione accantonato in rialzo del 63,6 per cento anno su anno, e un valore contabile tangibile per azione in rialzo del 25 per cento3 anno su anno.   Tali risultati di elevata qualità sono stati conseguiti in tutte le regioni e in tutte le fabbriche prodotto, preservando al contempo eccellenti solidità finanziaria e linee di difesa a protezione dei risultati e delle distribuzioni future. Il CET1 ratio di UniCredit è aumentato ulteriormente al 16,23 per cento, in ampio eccesso rispetto al nostro obiettivo manageriale del 12,5-13 per cento e già al netto degli €8,6 miliardi relativi alle distribuzioni del 2023 così come dei €2,6 miliardi di accantonamento della distribuzione per il 2024. L’ammontare degli overlay su esposizioni in bonis si è attestato a €1,8 miliardi.   La guidance finanziaria per l’utile netto del FY24 è migliorata ad oltre €8,5 miliardi, con invariato RoTE di circa il 16,5 per cento e una generazione organica di capitale superiore ai 300 punti base.   Nel 1trim24, UniCredit ha raggiunto ancora una volta una crescita sostenibile di elevata qualità, riflessa in €6,3 miliardi di ricavi netti, in rialzo del 10,9 per cento rispetto allo scorso trimestre e del 7,5 per cento anno su anno. Questa straordinaria performance è stata sostenuta da un margine di interesse (“NII”) per €3,6 miliardi, da commissioni per €2,1 miliardi, e da rettifiche per perdite su crediti (“LLP”) per €0,1 miliardi.   Il margine di interesse è diminuito dello 0,9 per cento rispetto allo scorso trimestre a €3,6 miliardi, o aumentato del 5,3 per cento al netto delle rettifiche per perdite su crediti, una performance solida nonostante il minor numero di giorni di calendario nel trimestre. I prestiti commerciali lordi medi in bonis sono diminuiti del 1,3 per cento rispetto al trimestre precedente, con il Gruppo che ha mantenuto la sua attenzione verso rendimenti accrescitivi del capitale ed aggiustati per il rischio, limitando i volumi complessivi e focalizzando l’attenzione sulla crescita dell’esposizione verso clienti e segmenti di qualità e redditizi, con aumenti nel segmento delle PMI e del credito al consumo, compensati da una riduzione nei segmenti large corporates e mutui e da volumi di mercato complessivamente inferiori in Italia, Germania e Austria. La gestione complessiva del pass-through sui depositi è rimasta disciplinata, con quest’ultimo che ha chiuso a circa il 30 per cento nel 1trim24. Il margine di interesse è aumentato del 8,5 per cento anno su anno.   Le commissioni hanno registrato un robusto inizio dell’anno, aumentando del 15,8 per cento rispetto al trimestre precedente e in miglioramento in ciascuno dei segmenti, favorite dal nostro modello diversificato e bilanciato, che si traduce in una considerevole base di commissioni pari al 33 per cento dei nostri ricavi lordi totali. Il trimestre è stato caratterizzato in particolare da una forte crescita nelle commissioni su investimenti, specialmente in Italia e Germania, grazie al positivo slancio commerciale e ad un contesto macroeconomico più favorevole. Su base annuale, le commissioni sono cresciute del 3,3 per cento nel 1trim24, o del 7,6 per cento se escluso l’impatto derivante dalla riduzione delle commissioni sui conti correnti in Italia e i maggiori costi legati alle cartolarizzazioni.   Il Gruppo ha confermato il suo Costo del Rischio (“CoR”) strutturalmente basso e stabile a 10 pb nel 1trim24, iscrivendo a bilancio €0,1 miliardi di rettifiche per perdite su crediti. Il CoR sottostante, ovvero a livello di Gruppo esclusa la Russia e al netto dei cambiamenti relativi agli overlay rilasciati durante il trimestre, si è attestato nel 1trim24 a 19 pb, più alto del CoR contabile principalmente in ragione delle riprese di valore. Il Gruppo continua ad avere un portafoglio creditizio resiliente, di elevata qualità e diversificato geograficamente, con adeguati livelli di copertura e solide linee di difesa con, fra gli altri, €1,8 miliardi di overlay sulle esposizioni in bonis. La guidance sul CoR per il FY24 resta invariata a meno di 20 pb.   Nel 1trim24 i costi operativi sono stati pari a €2,3 miliardi, in diminuzione del 6,9 per cento rispetto allo scorso trimestre e dello 0,7 per cento anno su anno, a conferma della comprovata esperienza del Gruppo nell’efficienza operativa raggiunta attraverso riduzioni di costi mirate e investimenti nel futuro per trainare la crescita. Questo risultato è stato ottenuto anche grazie ai significativi investimenti e ai costi di integrazione registrati nei trimestri precedenti, che hanno consentito al Gruppo di mitigare l’impatto dell’inflazione e degli aumenti salariali legati ai contratti collettivi in Italia e in Austria. Il rapporto costi/ricavi si è attestato al 36,2 per cento, tra i migliori nel settore.   Il Gruppo continua ad essere leader in quanto ad eccellenza del capitale, con 118 pb o €3,4 miliardi di generazione organica di capitale nel 1trim24, in grado di più che compensare l’accantonamento, ai fini della distribuzione, del 100 per cento dei €2,6 miliardi di utile netto, risultando in un CET1 ratio del 16,23 per cento, in rialzo di 35 pb rispetto al trimestre precedente. Inoltre, gli RWA sono stati ridotti del 1,7 per cento rispetto allo scorso trimestre a €279,6 miliardi, a dimostrazione dell’impegno di UniCredit in una gestione attiva degli RWA diretta al miglioramento dell’efficienza del capitale.   Il successo del percorso di trasformazione verso una eccellenza sostenibile è reso evidente dalla performance del Gruppo, con un utile netto nel 1trim24 di €2,6 miliardi ed un RoTE del 19,5 per cento o del 23 per cento se basato su un CET1 ratio pari al 13 per cento.   A seguito dell’approvazione degli azionisti e dell’autorità di vigilanza, l’inizio della seconda tranche del programma di riacquisto di azioni proprie a valere sull’utile netto del 2023 per €3,1 miliardi è previsto il prima possibile successivamente ai risultati del 1trim24, soggetto alle condizioni del mercato. La prima tranche del riacquisto di azioni proprie a valere sull’utile netto del 2023 per un ammontare di €2,5 miliardi è stata conclusa in data 7 marzo 2024.   Le distribuzioni totali4 a valere sull’utile netto del 2024 sono aumentate a in linea con le distribuzioni relative al FY23. L’accantonamento e il payout del dividendo rimangono invariati al 40 per cento dell’utile netto, con la parte restante nella forma di riacquisto di azioni proprie. La ripartizione finale tra dividendo e riacquisto di azioni proprie dipenderà dalle condizioni del mercato, e sarà decisa a seguito dei risultati del 2024, assieme alla decisione finale sulle distribuzioni. L’approccio alla distribuzione tramite acconto, applicabile sia al dividendo che al riacquisto di azioni proprie, si assume al 40 per cento circa delle distribuzioni totali. La distribuzione nell’anno solare 2024 è attesa per circa €10 miliardi5.   UniCredit intende impiegare o distribuire agli azionisti il suo capitale in eccesso al più tardi entro il 2027. Escludendo opzioni di crescita inorganica, UniCredit prevede che le distribuzioni totali annue medie4 tra il FY25 e il FY26 saranno superiori alle distribuzioni relative al FY24, con una politica sui dividendi pari o superiore al 40% e riacquisti di azioni proprie con limite massimo corrispondente alla generazione organica di capitale in combinazione con l’impiego del capitale in eccesso. Nell’eventualità in cui il capitale in eccesso dovesse essere utilizzato per opportunità di crescita inorganica, che sarebbero intraprese secondo criteri stringenti, il livello delle distribuzioni annuali nel periodo FY25-FY26 dipenderebbe dal rendimento delle acquisizioni, che dovrebbero presentare rendimenti post sinergie vantaggiosi rispetto a quello derivante dal riacquisto di azioni proprie.   UniCredit continua a registrare significativi progressi nelle sue ambizioni ESG e nel 1trim24 ha pubblicato il piano di transizione verso Net Zero e il nuovo target intermedio per il portafoglio creditizio relativo al settore siderurgico. Sono stati inoltre diffusi i dettagli del monitoraggio annuale dell’evoluzione, rispetto agli obiettivi, dei tre settori prioritari per UniCredit – Oil&Gas, Power Generation e Automotive – a conferma del nostro costante supporto dei clienti verso una transizione giusta.   UniCredit è stata riconosciuta da EMEA Finance come “Migliore banca per la sostenibilità nella CEE” e “Migliore banca per ESG” in Austria e in Repubblica Ceca da Euromoney, ad evidenza della nostra leadership nella regione. Per il terzo anno consecutivo, la banca è stata inserita tra le “Migliori 100 aziende per la parità di genere a livello globale” nella classifica stilata da Equileap, a riprova della dedizione dell’organizzazione ai temi di diversità, uguaglianza e inclusione.   Nel mese di febbraio 2024 la banca ha lanciato la terza edizione di “UniCredit per l’Italia”, un ampio insieme di misure dirette a supportare la crescita delle aziende, anche facendo leva su misure recentemente introdotte dal governo italiano, con nuove soluzioni e €10 miliardi di crediti aggiuntivi. Questi finanziamenti sono mirati a supportare investimenti, capitale circolante e liquidità, e includono condizioni agevolate, con il 40 per cento delle risorse stanziate a favore del Sud Italia. Un’attenzione particolare è dedicata all’integrazione dei fattori ESG, con l’obiettivo di incrementare la sostenibilità ambientale e sociale delle iniziative economiche.   I principali eventi recenti del 1trim24 e a partire dalla fine del trimestre, in aggiunta a quelli menzionati nella sezione “Eventi di rilievo del 1trim24 e successivi”, includono:   ·       “UniCredit fissa l'obiettivo Net Zero per la transizione del settore siderurgico” (comunicato stampa pubblicato in data 18 gennaio 2024); ·       “UniCredit: delibere del Consiglio di Amministrazione” (comunicato stampa pubblicato in data 16 febbraio 2024); ·       “Nuove date per i risultati del primo trimestre 2024” (comunicato stampa pubblicato in data 6 marzo 2024); ·       “Conclusa la Prima Tranche del Programma di Buy-Back 2023. UniCredit: aggiornamento sull'esecuzione del programma di acquisto di azioni proprie nel periodo dal 4 al 7 marzo 2024. Definizione del valore finale del dividendo per azione 2024 con riferimento all'esercizio 2023” (comunicato stampa pubblicato in data 8 marzo 2024); ·       “UniCredit: la BCE approva buy-back da 3,1 miliardi di euro a completamento del Programma di riacquisto di azioni proprie 2023” (comunicato stampa pubblicato in data 11 aprile 2024).     Andrea Orcel, Amministratore Delegato di UniCredit S.p.A. ha dichiarato:   Abbiamo iniziato l’anno su basi estremamente solide con un utile netto di €2,6 miliardi, in rialzo del 24% su base annuale, superando in pieno le aspettative in tutte le linee principali, con un RoTE del 19,5%. Questo risultato è stato supportato da un contesto nettamente migliorato per le commissioni e gli AuM, dalla nostra attenzione per i clienti e verso le nostre fabbriche prodotto tradottasi in uno slancio commerciale eccezionale, e da un margine di interesse resiliente. Pur continuando ad investire, rimaniamo vigili sui costi e raccogliamo i benefici delle iniziative che abbiamo assunto in precedenza con un rapporto costi/ricavi leader nel settore al 36,2%. La straordinaria qualità dei nostri attivi si riflette in un Costo del Rischio pari a 10 pb che rimarrà basso grazie al nostro approccio prudente, alle nostre coperture e agli overlay. UniCredit è sulla buona strada per continuare a raggiungere risultati eccezionali, e siamo orgogliosi di rappresentare un modello nel settore.   Il nostro CET1 ratio tra i migliori del settore è aumentato ancora una volta al 16,2%, già al netto della distribuzione del 2023 per €8,6 miliardi e dell’accantonamento della distribuzione del 2024 per €2,6 miliardi, a testimonianza della nostra eccellente generazione organica di capitale pari a €3,4 miliardi, a supporto della nostra distribuzione leader nel settore.   Come diretto risultato dei nostri investimenti, volti ad incrementare i nostri diversificati flussi di commissioni e al rafforzamento delle nostre linee di difesa, e grazie alla flessibilità data dal nostro capitale in eccesso, continueremo a dimostrare una redditività strutturale elevata in modo sostenibile e ritorni per gli azionisti tra i migliori nel settore in contesti macroeconomici mutevoli. Siamo focalizzati in maniera irremovibile sulla costruzione del futuro e sul raggiungimento delle nostre ambizioni per tutti gli stakeholder.     Si prega di fare riferimento alle sezioni ‘Note generali’ e ‘Definizioni principali’ al termine di questo documento per informazioni relative alle metriche finanziarie e alle definizioni dei termini utilizzati in questo comunicato stampa. [1] Calcolato su un CET1 ratio al 13% come definito sotto. [2] EPS calcolato come utile netto, come definito sotto, rapportato al numero medio di azioni in circolazione, escluse le azioni proprie e le azioni sottostanti al contratto di usufrutto CASHES. [3] Incluso il dividendo per azione pagato ad aprile 2023, o in crescita del 22% a/a al netto di tale dividendo. [4] Distribuzione ordinaria di almeno il 90% dell’utile netto, con limite massimo corrispondente alla generazione organica di capitale. [5] Distribuzione nell’anno solare 2024 per circa €10 miliardi, dei quali €3 miliardi tramite dividendo pagati ad aprile 2024, €1,1 miliardi corrispondenti al riacquisto di azioni proprie a valere sul FY23 già eseguito durante il 1trim24 (ovvero non includendo gli €1,4 miliardi relativi al riacquisto di azioni proprie a valere sul FY23 già eseguito durante l’anno solare 2023), €3,1 miliardi relativi al residuo del riacquisto di azioni proprie a valere sul FY23, e circa €3 miliardi dall’acconto sulla distribuzione a valere sul FY24. La distribuzione è soggetta alle approvazioni degli azionisti e delle autorità di vigilanza.  
Scopri di più

Ultimi articoli da One UniCredit

Vai a One UniCredit

One UniCredit è il magazine online di Gruppo dove leggere storie e approfondimenti dai diversi Paesi del Gruppo: dall’Italia alla Germania, dall’Europa centrale a quella orientale.

 

One UniCredit coinvolge le nostre persone, i clienti e gli stakeholder, raccontando l’impegno della Banca e i suoi valori.

 

 

 

UniCredit, naming partner della Youth America’s Cup, spiega le vele con il progetto Route to Barcelona: 14 giovani under 25 voleranno a Barcellona per assistere dal vivo alle regate della UniCredit Youth America’s Cup parte della prestigiosa Coppa America che si terrà in Spagna quest’estate
Leggi di più
Share content
Ai prossimi Campionati Europei di atletica leggera Roma 2024, di cui UniCredit è Official Sponsor, faremo il tifo per Mattia Furlani, campione italiano (e vicecampione del mondo) di salto in lungo e Ambassador UniCredit di una nuova generazione di talenti.
Leggi di più
Share content
Per celebrare l’Earth Day di quest’anno, legato alla riduzione dei rifiuti in plastica, sia in Italia che in Germania i colleghi si sono riuniti per due giorni di volontariato dedicati alla pulizia dei parchi locali…
Leggi di più
Share content
Come parte della nostra partnership con Mastercard, stiamo aggiornando tutte le nostre carte - debito, credito e prepagate - con Mastercard Touch Card™, una carta facilmente utilizzabile da persone non vedenti e ipovedenti.
Leggi di più
Share content
UniCredit e FISPES ancora una volta insieme ai World Para Athletics Grand Prix di Jesolo Italian Open, per promuovere lo sport come mezzo di inclusione e crescita personale attraverso le sfide. Questa iniziativa si inserisce in un ampio portfolio di azioni concrete che la nostra banca porta avanti per dare supporto alle comunità in cui operiamo.
Leggi di più
Share content
UniCredit Foundation è felice di presentare il suo Bilancio Annuale 2023, che racconta un anno incredibile di trasformazioni e risultati entusiasmanti. Il report sottolinea il nostro impegno costante nei confronti dei giovani attraverso una rappresentazione delle innumerevoli iniziative introdotte dalla Fondazione nell'ultimo anno.
Leggi di più
Share content
La Collezione d'arte di UniCredit è una risorsa viva con tesori che riflettono l'identità europea del Gruppo. Uno degli artisti presenti nella nostra collezione è Francesco Jodice, al quale abbiamo chiesto "Che cos'è l'arte?" e di approfondire come sviluppa i suoi progetti.
Leggi di più
Share content
Il Transgender Day of Visibility, in programma per il 31 marzo, è un importante momento per accrescere la consapevolezza, incoraggiare il dialogo e mostrare il nostro sostegno alla resilienza, alle conquiste e alle esperienze delle persone transgender e gender non-conforming.
Leggi di più
Share content
In mostra a Roma fino al 26 maggio sedici opere uniche appartenenti alla UniCredit Art Collection del maestro del “Realismo magico” Antonio Donghi. La nostra Banca è lieta di essere Main Sponsor di questa bella iniziativa a testimonianza del’obiettivo di rendere la cultura accessibile a tutti.
Leggi di più
Share content
Domani, sabato 23 marzo alle 20.30 ora locale, UniCredit spegnerà le luci in 33 edifici in dieci Paesi per sessanta minuti, segnando per il diciassettesimo anno consecutivo la partecipazione della banca paneuropea all'Earth Hour.
Leggi di più
Share content
Parte alta della Torre UniCredit fotografata al tramonto