Presentazione Risultati di Gruppo 3trim21 e 9mesi21
Live Audio Webcast & Conference call  
Scopri di più
Save the date

Risultati di Gruppo

28

Ottobre 2021

Milano

hero_tower
UniCredit aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
PRESS RELEASE
20 ottobre 2021 - h 07:30

Coerentemente con il suo impegno per un futuro positivo per l’ambiente, UniCredit  aderisce alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), un’iniziativa finanziaria delle Nazioni Unite che mobilita le principali banche a livello mondiale, impegnate ad allineare i propri portafogli di prestiti e investimenti all’obiettivo di emissioni zero (net-zero) entro il 2050 o prima, in linea con i target più ambiziosi definiti dall'Accordo di Parigi sul clima.

 

L'Alleanza segna una tappa decisiva nella mobilitazione del settore finanziario per la tutela del clima, ne fa parte più di un terzo dell’industria bancaria globale, con oltre 76 aderenti da 35 Paesi e 54 trilioni di dollari di attivi. Essa riconosce il ruolo fondamentale delle banche nel sostenere la transizione globale dell'economia reale verso l’obiettivo di emissioni zero, includendo sia le emissioni legate al business che quelle attribuibili, comprese le emissioni Scope 3.

 

Come tutti i membri dell'Alleanza, UniCredit ha assunto obblighi precisi che includono:

 

o Fissare obiettivi provvisori non oltre il 2030 o prima per i settori chiave;

o Concentrarsi sui settori che hanno sul clima un impatto più significativo, ad esempio quelli con maggiori emissioni di gas a effetto serra;

o Pubblicare annualmente il livello delle emissioni e la loro intensità;

o Tenere conto di scenari basati sulle migliori conoscenze scientifiche disponibili;  

o Fissare il primo obiettivo (i) entro 18 mesi dalla sottoscrizione dell’impegno e fornire aggiornamenti su base annuale;

o Divulgare i progressi compiuti rispetto a una strategia di transizione rivista dal Consiglio di Amministrazione;

 

La NZBA è parte della United Nations Environment Programme Finance Initiative e della Glasgow Financial Alliance for Net Zero, presieduta da Mark Carney, delegato speciale delle Nazioni Unite su Climate Action and Finance in previsione della COP 26.

 

UniCredit è orgogliosa di unirsi ai principali rappresentanti del settore bancario in questo sforzo collettivo per raggiungere le emissioni zero entro il 2050. Il Gruppo si impegnerà per sostenere i piani di transizione dei clienti ed accelerare l'azione sul clima. Ulteriori dettagli sulla strategia ESG della banca saranno comunicati in occasione del prossimo investor day come parte del nuovo piano industriale del Gruppo.

 

Andrea Orcel, AD di UniCredit, ha commentato: "UniCredit è orgogliosa di aderire alla Net-Zero Banking Alliance e si sta impegnando ad allineare i propri portafogli di prestiti e investimenti verso un obiettivo di emissioni zero entro il 2050. Questa è una tappa fondamentale nel nostro percorso verso un futuro più sostenibile ed è un'azione necessaria per catalizzare l'attenzione e, infine, fare progressi significativi in questo settore.

 

"Esistiamo per supportare i nostri clienti in tutte le sfide che devono affrontare e questo include aiutare le aziende ad adattarsi a un mondo in evoluzione. Nel breve termine  significherà lavorare con imprese che potrebbero essere solo all'inizio della loro transizione verso un business sostenibile. Lo faremo se - e solo se – crederemo che questo percorso sia realistico e, in ultima analisi, vantaggioso per tutti gli attori interessati, compreso l'ambiente. Fare altrimenti sarebbe irresponsabile e andrebbe contro i clienti che serviamo e il nostro impegno a rafforzare le comunità in tutta Europa.

 

“Siamo concentrati sulla realizzazione di una transizione positiva e sostenibile verso l'energia green che danneggi il meno possibile sia il pianeta che i suoi abitanti. La nostra adesione alla Net-Zero Banking Alliance è un impegno ad aiutare la società a fare questo progresso. Non sarà un processo immediato, ma credo che il 2050 sia l'obiettivo giusto per il nostro settore e guardo con fiducia ai cambiamenti che verranno".

 

Milano, 20 ottobre 2021

 

 

Contatti per i media

mediarelations@unicredit.eu

 

 

A proposito dell'Alleanza:

La Net-Zero Banking Alliance (NZBA), è un’iniziativa finanziaria delle Nazioni Unite riunisce oltre 50 banche che rappresentano più di un terzo delle attività finanziarie globali e che si sono impegnate ad allineare i loro portafogli di prestiti e investimenti a un obiettivo di emissioni zero entro il 2050. Combinando l'azione a breve termine con la trasparenza, questo ambizioso impegno vede le banche fissare un obiettivo intermedio per il 2030 o prima, utilizzando linee guida solide e basi scientifiche. L'Alleanza rafforzerà, accelererà e sosterrà l'implementazione delle strategie di decarbonizzazione, fornendo un quadro coerente a livello internazionale e linee guida nell’ambito delle quali operare, supportate dalla condivisione di conoscenze tra gli aderenti all’Alleanza. Essa riconosce il ruolo vitale delle banche nel sostenere la transizione globale dell'economia reale verso un obiettivo emissioni zero.

www.unepfi.org/net-zero-banking

Facciamo la nostra parte in vista di COP26
IL NOSTRO IMPEGNO
27 settembre 2021 - h 17:02

UniCredit si unisce all'evento All4Climate Pre-COP che si terrà a Milano dal 28 settembre al 2 ottobre con l'obiettivo di coinvolgere i giovani e agire concretamente per il cambiamento climatico grazie alle molteplici iniziative della banca e alla sua strategia ESG.

UniCredit sostiene gli eventi All4Climate Pre-COP26
SUSTAINABILITY
17 settembre 2021 - h 12:00

a Milano, dal 28 settembre al 2 ottobre

La banca parteciperà alla tavola rotonda Driving Ambition il 30 settembre

 

UniCredit sostiene la settimana italiana dedicata alla lotta ai cambiamenti climatici All4Climate – Italy 2021, il programma lanciato dal Ministero della Transizione Ecologica e da Connect4Climate – World Bank Group, con la partecipazione del Comune di Milano e della Regione Lombardia.

 

Andrea Orcel, Amministratore Delegato UniCredit ha dichiarato “Questo è un momento cruciale per l'Italia e per il mondo intero, affinché si possa tutti ripartire al meglio e in modo più sostenibile dopo la pandemia. Il sistema bancario gioca un ruolo cruciale nel sostenere la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio e più inclusiva, e UniCredit è fortemente impegnata nel supportare i clienti e le comunità locali in questo percorso, in piena collaborazione con i principali attori coinvolti”.

 

All4Climate è il palinsesto di eventi e iniziative pensato per accogliere, valorizzare e rafforzare i due grandi appuntamenti internazionali che si terranno nel capoluogo lombardo in vista della COP26 di Glasgow a novembre: la conferenza sul clima delle Nazioni Unite Pre-COP26, dal 28 settembre al 2 ottobre, e “Youth4Climate: Driving Ambition”, dedicato ai giovani, che si svolgerà dal 28 al 30 settembre.

 

Due momenti importantissimi per i colloqui di Glasgow, in un anno fondamentale per il cambiamento climatico, a seguito dello shock causato dalla pandemia. Nello specifico, Youth4Climate darà l'opportunità ai giovani di presentare idee e proposte concrete su alcune delle questioni più urgenti nell'agenda climatica.

 

Il programma di eventi All4Climate si articolerà in diverse discussioni e panel, organizzati per accogliere e rafforzare gli impegni globali. Tra questi, la partecipazione di UniCredit alla tavola rotonda Driving Ambition, il 30 settembre, durante la quale si esaminerà come i governi, il settore privato, le Nazioni Unite, i media e la scienza possono cooperare per risolvere la questione climatica.

 

 

 

 

 

UniCredit e Filarmonica della Scala, la grande musica è per tutti
Culture&Society

Oggi Filarmonica della Scala celebra il suo 40esimo anniversario

Scopri di più
1 / 3
Informazioni sul titolo azionario - Intraday

 

 

UniCredit è una banca commerciale paneuropea semplice e di successo, con una divisione CIB perfettamente integrata e una rete unica in Europa occidentale e centro-orientale che mettiamo a disposizione della nostra vasta e crescente clientela.

 

 

 

Our Strategic Targets
Incontra il nostro CEO

"Sono determinato a far sì che il mio tempo nel ruolo di Amministratore Delegato di UniCredit sia speso per valorizzare al massimo le risorse e permetterci di andare oltre ed essere migliori".

Scopri di più

Ultimi articoli da One UniCredit

Vai a One UniCredit

One UniCredit riunisce le nostre persone, i nostri clienti e le comunità con cui operiamo in un unico luogo.

Vogliamo tenerti aggiornato su ciò che accade all'interno del Gruppo e condividere le storie che ispirano e sostengono tutti noi nel Fare sempre la cosa giusta!

Aiutaci a rendere One UniCredit vivace e coinvolgente condividendo i tuoi feedback e le tue idee.

Seleziona la categoria e scopri i contenuti
CATEGORIE
TUTTE LE CATEGORIE

EXPLORE BY#

EXPLORE BY#

Filtra i contenuti dlele pagine scegliendo l'# o il formato di tuo interesse

HASHTAG

FORMATO

Time 4 you
Gustate le ricette facili da preparare, pensate e raccolte dai nostri colleghi croati per creare piatti gustosi e sani e dare un nuovo tocco ai vostri pranzi e cene, rigorosamente in meno di 30 minuti.
Leggi di più
Il nostro impegno
Laura Penna, Head of Group Social Impact Banking, condivide le sue impressioni sul riconoscimento di UniCredit come Best Social Impact Bank in Europa, ottenuto per la seconda volta da parte della rivista CFI . Una testimonianza dell’impegno del Gruppo nell’essere parte della soluzione in questo difficile periodo di ripresa.
Leggi di più
Time 4 you
Nel mondo globalizzato di oggi, la competenza culturale aiuta a collegare le culture e i background per creare un posto di lavoro dove le persone si sentono apprezzate. In questo modo si favorisce un contesto di lealtà e una migliore comprensione reciproca, migliori risultati nelle attività periodiche, meno errori onerosi e maggiore soddisfazione sul lavoro. Scoprite come promuovere questo aspetto con i tre suggerimenti che trovate qui di seguito.
Leggi di più
Clienti
La competizione per le imprese si sta spostando sempre più sul fronte internazionale. La difficoltà a esplorare nuovi mercati, approfondirne la conoscenza e trovare controparti affidabili di qualità nell’attuale contesto può essere affrontata con l’aiuto di Servizi Digitali innovativi per l’Internazionalizzazione. Approfondiamo l’argomento con Emilio Spera, e Guido Pusterla Cortesini.
Leggi di più
Time 4 you
Non sarete sorpresi dalla meraviglia di queste foto autunnali!
Leggi di più
Clienti
#UniCredit4Business
UniCredit è Official Sponsor del MIA - Mercato Internazionale del Cinema un impegno concreto della banca per supportare l’industria dell’audiovisivo e promuovere con fiducia il ritorno al grande schermo.
Leggi di più
Il nostro impegno
UniCredit Bank Austria ha dimostrato il proprio impegno per il clima attraverso un grande programma di iniziative, dedicate a clienti dipendenti, sottolineando che le banche sono un player importante per la salvaguardia del clima e che possono esercitare un importante effetto leva per garantire un business più sostenibile.
Leggi di più
Time 4 you
Adottare la regola dell’80/20 nel lavoro ci aiuta a identificare strategie e opportunità che vanno a beneficio dell'azienda e della nostra crescita professionale. Stabilita dall'economista Vilfredo Pareto, la regola 80/20 ipotizza che l'80% dei risultati (output) deriva dal 20% delle cause (input). Ecco tre modi per applicare la regola 80/20 al nostro lavoro quotidiano.
Leggi di più
Time 4 you
Per migliorare l’impatto del proprio lavoro e favorire nuove opportunità di crescita, i membri del team devono prima conquistare la fiducia e il cuore delle persone per cui - e con cui - lavorano. Ecco tre consigli per rafforzare la credibilità dei nostri team.
Leggi di più
Il nostro impegno
Domenica 10 ottobre UniCredit celebrerà la Giornata Mondiale della Salute Mentale, in occasione della quale ribadiremo ancora una volta il nostro impegno per il benessere psicologico dei nostri colleghi, clienti e comunità.
Leggi di più
Our Strategic Targets
Bilanci e Relazioni

Aggiornamento al 31 dicembre 2020

Scopri di più
UniCredit: Fitch ha confermato i rating di UniCredit SpA
PRESS RELEASE
20 ottobre 2021 SENSIBILE AL PREZZO
  L'agenzia di rating Fitch Ratings ha confermato il Long-Term Issuer Default Rating ('IDR') di UniCredit SpA a 'BBB-', il Short-Term Rating a 'F3' e il Viability Rating (il rating standalone) a 'bbb-'.   L'outlook è stato confermato a "stabile".   Anche i rating degli strumenti SNP, Tier2 e AT1 sono stati confermati.   Per ulteriori dettagli si veda il comunicato stampa di Fitch Ratings sul sito web dell'agenzia di rating www.fitchratings.com     Milano, 20 ottobre 2021       Contatti:            Media Relations: e-mail: MediaRelations@unicredit.eu   Investor Relations: e-mail: InvestorRelations@unicredit.eu
Scopri di più
Capital Finance International premia per la seconda volta UniCredit come Best Social Impact Bank in Europa
PRESS RELEASE
20 ottobre 2021
UniCredit è stata nominata Best Social Impact Bank in Europa nel 2021 dalla rivista Capital Finance International (CFI.co). Per il secondo anno consecutivo, la testata ha identificato la banca come leader nell’impegno per l’impatto sociale positivo delle attività di sostegno all’economia reale in Europa.   La giuria ha evidenziato il contributo di UniCredit alla costruzione di un sistema di valori solido e gli sforzi significativi nell'integrare la sostenibilità in tutte le sue strategie di business. E’ stata inoltre apprezzata l’offerta di soluzioni concrete per lo sviluppo sostenibile, tra cui le iniziative di educazione finanziaria per i giovani e i programmi di capacity-building per le donne imprenditrici, nonché gli evidenti progressi fatti nel raggiungimento degli obiettivi ESG.   Commentando il riconoscimento, Roberta Marracino, Head of Group ESG Strategy & Impact Banking, ha detto: "Siamo estremamente orgogliosi di essere premiati ancora una volta da CFI come Best Social Impact Banking. Continueremo a lavorare duramente per raggiungere i nostri obiettivi ESG e ad impegnarci per sostenere i nostri clienti e le comunità nella fase di transizione che stiamo vivendo, garantendo un passaggio adeguato per tutti verso un'economia e una società sempre più inclusive e sostenibili."   Dal suo lancio in Italia alla fine del 2017, il programma Social Impact Banking (SIB) ha erogato più di 5270 finanziamenti, attraverso iniziative ad impatto sociale e microcrocredito negli 11 mercati dove UniCredit è presente e ha supportato imprenditori e iniziative con un impatto sociale positivo per un totale di oltre 295 milioni di euro. (dati a fine giugno 2021).   Il successo del programma Social Impact Banking è stato confermato anche a livello locale: in Ungheria UniCredit è stata recentemente premiata con l'EFFEKT 2030 Community Investment Award nella categoria Opportunity Business, per il miglior Social Impact Banking, grazie al suo contributo locale allo sviluppo sostenibile, in linea con gli impegni e gli obiettivi ESG di Gruppo.     Milano, 20 ottobre 2021       Contatti: mediarelations@unicredit.eu
Scopri di più
UniCredit aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
PRESS RELEASE
20 ottobre 2021
Coerentemente con il suo impegno per un futuro positivo per l’ambiente, UniCredit  aderisce alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), un’iniziativa finanziaria delle Nazioni Unite che mobilita le principali banche a livello mondiale, impegnate ad allineare i propri portafogli di prestiti e investimenti all’obiettivo di emissioni zero (net-zero) entro il 2050 o prima, in linea con i target più ambiziosi definiti dall'Accordo di Parigi sul clima.   L'Alleanza segna una tappa decisiva nella mobilitazione del settore finanziario per la tutela del clima, ne fa parte più di un terzo dell’industria bancaria globale, con oltre 76 aderenti da 35 Paesi e 54 trilioni di dollari di attivi. Essa riconosce il ruolo fondamentale delle banche nel sostenere la transizione globale dell'economia reale verso l’obiettivo di emissioni zero, includendo sia le emissioni legate al business che quelle attribuibili, comprese le emissioni Scope 3.   Come tutti i membri dell'Alleanza, UniCredit ha assunto obblighi precisi che includono:   o Fissare obiettivi provvisori non oltre il 2030 o prima per i settori chiave; o Concentrarsi sui settori che hanno sul clima un impatto più significativo, ad esempio quelli con maggiori emissioni di gas a effetto serra; o Pubblicare annualmente il livello delle emissioni e la loro intensità; o Tenere conto di scenari basati sulle migliori conoscenze scientifiche disponibili;   o Fissare il primo obiettivo (i) entro 18 mesi dalla sottoscrizione dell’impegno e fornire aggiornamenti su base annuale; o Divulgare i progressi compiuti rispetto a una strategia di transizione rivista dal Consiglio di Amministrazione;   La NZBA è parte della United Nations Environment Programme Finance Initiative e della Glasgow Financial Alliance for Net Zero, presieduta da Mark Carney, delegato speciale delle Nazioni Unite su Climate Action and Finance in previsione della COP 26.   UniCredit è orgogliosa di unirsi ai principali rappresentanti del settore bancario in questo sforzo collettivo per raggiungere le emissioni zero entro il 2050. Il Gruppo si impegnerà per sostenere i piani di transizione dei clienti ed accelerare l'azione sul clima. Ulteriori dettagli sulla strategia ESG della banca saranno comunicati in occasione del prossimo investor day come parte del nuovo piano industriale del Gruppo.   Andrea Orcel, AD di UniCredit, ha commentato: "UniCredit è orgogliosa di aderire alla Net-Zero Banking Alliance e si sta impegnando ad allineare i propri portafogli di prestiti e investimenti verso un obiettivo di emissioni zero entro il 2050. Questa è una tappa fondamentale nel nostro percorso verso un futuro più sostenibile ed è un'azione necessaria per catalizzare l'attenzione e, infine, fare progressi significativi in questo settore.   "Esistiamo per supportare i nostri clienti in tutte le sfide che devono affrontare e questo include aiutare le aziende ad adattarsi a un mondo in evoluzione. Nel breve termine  significherà lavorare con imprese che potrebbero essere solo all'inizio della loro transizione verso un business sostenibile. Lo faremo se - e solo se – crederemo che questo percorso sia realistico e, in ultima analisi, vantaggioso per tutti gli attori interessati, compreso l'ambiente. Fare altrimenti sarebbe irresponsabile e andrebbe contro i clienti che serviamo e il nostro impegno a rafforzare le comunità in tutta Europa.   “Siamo concentrati sulla realizzazione di una transizione positiva e sostenibile verso l'energia green che danneggi il meno possibile sia il pianeta che i suoi abitanti. La nostra adesione alla Net-Zero Banking Alliance è un impegno ad aiutare la società a fare questo progresso. Non sarà un processo immediato, ma credo che il 2050 sia l'obiettivo giusto per il nostro settore e guardo con fiducia ai cambiamenti che verranno".   Milano, 20 ottobre 2021     Contatti per i media mediarelations@unicredit.eu     A proposito dell'Alleanza: La Net-Zero Banking Alliance (NZBA), è un’iniziativa finanziaria delle Nazioni Unite riunisce oltre 50 banche che rappresentano più di un terzo delle attività finanziarie globali e che si sono impegnate ad allineare i loro portafogli di prestiti e investimenti a un obiettivo di emissioni zero entro il 2050. Combinando l'azione a breve termine con la trasparenza, questo ambizioso impegno vede le banche fissare un obiettivo intermedio per il 2030 o prima, utilizzando linee guida solide e basi scientifiche. L'Alleanza rafforzerà, accelererà e sosterrà l'implementazione delle strategie di decarbonizzazione, fornendo un quadro coerente a livello internazionale e linee guida nell’ambito delle quali operare, supportate dalla condivisione di conoscenze tra gli aderenti all’Alleanza. Essa riconosce il ruolo vitale delle banche nel sostenere la transizione globale dell'economia reale verso un obiettivo emissioni zero. www.unepfi.org/net-zero-banking
Scopri di più
Si insedia il nuovo Advisory Board Italy di UniCredit
PRESS RELEASE
19 ottobre 2021
L’organismo consultivo della banca, composto da 15 membri, avrà come Presidente Niccolò Ubertalli, Responsabile di UniCredit Italia. Si insediano oggi anche i 7 Advisory Board territoriali della banca.  Contribuiranno alla realizzazione di una progettualità in linea con gli obiettivi del Gruppo sul territorio fungendo anche da canale di ascolto delle dinamiche di trasformazione locali per individuare punti critici e opportunità     Si è insediato oggi il nuovo Advisory Board Italy di UniCredit, composto da 15 membri e presieduto da Niccolò Ubertalli, Responsabile di UniCredit Italia. Contestualmente si sono insediati anche i 7 nuovi Advisory Board Territoriali, uno per ogni Region attraverso la quale UniCredit Italia opera sui territori.   “Il 15 luglio – spiega Niccolò Ubertalli, Responsabile di UniCredit Italia - il Gruppo ha annunciato una nuova fase del suo processo di semplificazione grazie alla quale l’Italia è diventata una geografia autonoma e dotata di pieni poteri, accanto a Germania, Europa Centrale ed Europa dell'Est. Questa decisione mostra quanto per noi siano importanti le nostre radici e questo Paese. Gli Advisory Board ci aiuteranno a rendere ancora più saldo questo legame e saranno un valido supporto per elaborare nuove strategie necessarie per la ripartenza”.   Gli Advisory Board sono organismi consultivi nati con l’obiettivo di rafforzare la conoscenza dei singoli territori, dei settori rilevanti e delle tematiche sociali locali, fornendo un contributo positivo allo sviluppo del business nelle aree di loro competenza. Gli AdB rappresenteranno dunque uno strumento di confronto sulle dinamiche nazionali e territoriali, un laboratorio nel quale sperimentare progettualità condivise tra la Banca e i rappresentanti del Paese, contribuiranno allo sviluppo sostenibile del business e dei territori offrendo infine supporto alla definizione dei piani di sviluppo territoriale della Banca.     I nuovi componenti dell’Advisory Board Italy di UniCredit sono: Lavinia Biagiotti Cigna, Presidente e CEO Biagiotti Group e Presidente Marco Simone Golf & Country Club; Giuseppe Bonomi, Amministratore Delegato MilanoSesto S.p.A.; Mario Calderini, Professore Ordinario presso la School of Management del Politecnico di Milano; Patrizia Giangualano, Governance and Sustainability Advisor,  Consigliere indipendente di nomina Assogestioni di Leonardo (Presidente Comitato Remunerazioni e membro Comitato e Sostenibilità e innovazione) e Saipem (Presidente Parti correlate e membro comitato Sostenibilità, Scenari e Governance); Linda Lanzillotta, Vice Presidente dell’Institut pour les Relations Économiques France - Italie (IREFI); Antonella Mansi, Imprenditrice del settore chimico e Presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana; Giovanna Melandri, Presidente Human Foundation Do & Think Tank per l’Innovazione Sociale; Cristiano Seganfreddo, Innovatore e  imprenditore creativo; Patrizia Paglia, CEO ILTAR Italbox S.p.A. e Presidente Confindustria Canavese, che sarà anche Presidente dell’Advisory Board Territoriale Nord Ovest; Antonio Calabrò, Senior Vice President Affari Istituzionali e Cultura Pirelli & C., Presidente Fondazione Assolombarda e Vicepresidente dell’Unione Industriali di Torino, che sarà anche Presidente dell’Advisory Board Territoriale Lombardia Stefano Micelli, Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Università Cà Foscari Venezia che sarà anche Presidente dell’Advisory Board Territoriale Nord Est; Luigi Gilli, Amministratore unico società Efisio Srl, anche Presidente dell’Advisory Board Territoriale Centro Nord; Giampaolo Letta, Vice Presidente e AD Medusa Film e Componente di Giunta ANICA, anche Presidente dell’Advisory Board Territoriale Centro; Pasquale Carrano, Amministratore delegato Smartpaper S.p.A. e gruppo Carfin, anche Presidente dell’Advisory Board Territoriale Sud; Nico Torrisi, Amministratore Delegato S.A.C. S.p.A  e Presidente Federalberghi Sicilia, che sarà Presidente dell’Advisory Board Territoriale Sicilia.   I componenti dell’Advisory Board Nazionale e quelli degli Advisory Board Territoriali sono stati scelti fra eminenti esponenti del mondo imprenditoriale, istituzionale, accademico o rappresentanti di specifiche realtà locali italiane nonché che godono di indiscutibile reputazione in ambito economico, a livello nazionale e territoriale; rappresentanti qualificati delle associazioni imprenditoriali e di categoria; rappresentanti delle Autonomie Funzionali, esponenti dell’associazionismo e del volontariato nonché opinion leader ed esponenti del mondo della cultura.     Milano, 19 ottobre 2021      Contatti:   Media Relations E mail: mediarelations@unicredit.eu
Scopri di più
Durante la pandemia è stato più difficile essere una leader donna in Italia, dati a confronto
PRESS RELEASE
19 ottobre 2021
  ·   Plan International e l’Università Bocconi presentano il rapporto, realizzato grazie al supporto di UniCredit, Le sfide attuali e future per l’uguaglianza di genere in Italia: la Leadership delle Donne in tempi di Covid 19. ·   Lo studio di Bocconi e Plan International Italia, fotografa la situazione della Leadership Femminile in Italia ·   Secondo lo studio, un'istruzione inclusiva e di qualità, in particolare nel settore digitale, è lo strumento essenziale per promuovere la leadership delle donne di domani.     Per le donne è più difficile essere leader e affrontano maggiori discriminazioni rispetto agli uomini. Inoltre, il contesto della pandemia non ha favorito lo sviluppo della leadership femminile poiché le donne sono state sovraccaricate di lavoro ed in molti casi hanno assunto doppie responsabilità. Sono questi alcuni degli elementi emersi dal rapporto “La Leadership delle Donne in tempi di Covid 19”, redatto da Plan International e Università Bocconi con il supporto di UniCredit Foundation.   Gli indicatori nazionali ed internazionali mostrano che in Italia si stanno facendo progressi in termini di presenza di leader donne in diversi settori, ma occorre riconoscere che c’è ancora molto da fare.  Le disuguaglianze di genere creano delle barriere che ostacolano il percorso delle donne verso la leadership in molti ambiti, quali la politica e l’economia. Le donne devono sempre dimostrare le proprie capacità in misura maggiore rispetto agli uomini e sono maggiormente discriminate se occupano una posizione di dirigenza.  A questo proposito, una delle partecipanti al sondaggio ha dichiarato: "quando si parla di una donna leader, spesso la sua vita personale o la sua estetica sono più importanti della sua competenza".   Come afferma Giulia Bianchini, portavoce della ONG Plan International Italia: “Le ragazze, le adolescenti e le giovani donne sono soggette a norme sociali, compresi gli stereotipi di genere, che le discriminano. Così, fin da giovani, sono spesso scoraggiate dall’esprimere la propria opinione e, da adulte, dal partecipare alla politica, che è generalmente considerata un "dominio maschile".   In un mondo sempre più digitalizzato, è essenziale essere consapevoli delle opportunità generate dalle nuove tecnologie. Le carriere in ambito STEM (Scienza, tecnologia, ingegneria, matematica) stanno emergendo fortemente nel mercato del lavoro del futuro. Il rapporto dimostra come le nuove tecnologie rappresentino un possibile strumento per favorire l’accesso a posizioni di leadership da parte delle donne. L'alfabetizzazione digitale, utile ad acquisire competenze digitali, rappresenta, quindi, un mezzo per progredire verso una maggiore leadership femminile. Più della metà dei partecipanti al nostro studio, era fortemente d'accordo sul fatto che istruzione e formazione siano elementi essenziali per diventare un buon leader.   Nell'era COVID-19, le nuove tecnologie hanno dimostrato sì, di essere indispensabili, ma anche di costituire un'arma a doppio taglio in termini di sovraccarico di lavoro professionale e domestico per le donne stesse. Dallo studio si evince come la pandemia non abbia aiutato le donne a sviluppare maggiormente la propria leadership e, l’attuale situazione di crisi può peggiorare l'uguaglianza di genere e quindi, costituire un ostacolo alla leadership femminile all’interno dello spazio pubblico. Occorrono modelli femminili positivi a cui le ragazze, le adolescenti e le giovani donne possano guardare per poter divenire le donne leader di domani.  “Le donne leaders inoltre agiscono da “role model”, un canale essenziale per modificare la cultura conservatrice nei confronti dei ruoli di genere che ancora domina le nostre società”, afferma Paola Profeta, direttrice dell’AXA Research Lab on Gender Equality dell’Università Bocconi, tra i curatori dello studio.   Le basi per una generazione economicamente più forte devono essere gettate sin dalla giovane età per fornire alle ragazze tutte le opportunità necessarie a soddisfare le proprie ambizioni e realizzare i propri diritti, oltre che il proprio potenziale. In particolare, le ragazze e le giovani donne devono essere sostenute in ogni fase della propria vita al fine di essere in grado prendere decisioni, sfidare gli stereotipi di genere e avere la possibilità di diventare le leader del domani.   Il rapporto include anche una serie di raccomandazioni, tra cui: 1.  È essenziale che le donne abbiano accesso a spazi decisionali e posizioni di leadership in ogni fase della loro vita, per costruire un mondo in cui possano prosperare nei settori della politica, nell’economia e nella società stessa. 2.  Aumentare la presenza delle donne nel settore dell’istruzione, specialmente negli ambiti legati alla transizione digitale e alle discipline STEM. 3.  Monitorare attentamente l’implementazione del lavoro flessibile in futuro, al fine di valutare i benefici e le possibili ripercussioni sull’empowerment e la leadership delle donne anche in tempi post pandemia. 4.  Implementare politiche che riducano il carico sulle donne del lavoro domestico e di cura non pagato o favoriscano una maggiore condivisione di quest’ultimo (ad esempio, congedi di paternità).  5.     Il ruolo delle nuove tecnologie può aiutare in modo esponenziale ad incrementare la presenza delle donne in ruoli di leadership, ma questo progresso deve essere considerato in un’ottica di parità di genere       Contatti: mediarelations@unicredit.eu
Scopri di più
1 / 5
1 / 3

La banca per le cose che contano

Banking_that_matters_1260x844

 

Siamo una "banca di sostanza", concentrata sul fornire risposte tangibili con efficienza e semplicità

La nostra presenza internazionale

Map-home

 

Il nostro modello "One Bank" è basato su una direzione strategica centrale e su un'eccellenza a livello locale

 

 

La nostra storia

 

history-home-570x320

 

 

La storia del Gruppo UniCredit inizia nel 1870 con la fondazione della Banca di Genova, successivamente denominata Credito Italiano.