Megatrend Focus: cosa ci aspettiamo per il futuro?

Clienti

lunedì 20 dicembre 2021

Nel 2021 il mondo è rimasto nella morsa della pandemia sebbene una migliore gestione del virus e l'avanzamento delle campagne vaccinali abbiano aiutato l'economia globale a ritornare alla normalità. La liquidità iniettata dalle Banche Centrali e il sostegno fiscale dei governi non solo hanno continuato a sostenere la crescita del PIL, ma anche i mercati finanziari.

2:50 min

Anche al netto della inflazione - e nella speranza che la pandemia possa essere finalmente sconfitta - il 2022 dovrebbe essere un anno di crescita ben al di sopra delle tendenze pre – corona, soprattutto in Europa.

Come l’anno scorso riteniamo che la strategia di investimento migliore rimanga quella di associare ad una gestione degli investimenti più tradizionali degli investimenti tematici, legati a trend di lungo periodo che stanno diventando sempre più importanti per la società moderna e quindi per le nostre economia.

A-new-reflation-era_2021_906

1. Una nuova era di "reflazione"

Dopo anni di rigore fiscale, i paesi sviluppati hanno riscoperto una politica fiscale orientata alla crescita. Allo stesso tempo, le principali banche centrali si stanno preparando a ridimensionare gradualmente i loro programmi di acquisto di emergenza legati alla pandemia, sebbene mantengano in gran parte le loro politiche monetarie espansive. Riteniamo quindi che questi sviluppi stiano inaugurando una nuova era di reflazione che porterà a cambiamenti importanti e duraturi.

Geopolitics_2021_906

2. Geopolitica: la continua ascesa dell'Asia e l'integrazione Europea

La seconda tendenza riguarda la continua ascesa dei paesi asiatici ai vertici della classifica mondiale delle economie sviluppate. Il primo di questi è stato il Giappone, con la sua rapida crescita economica negli anni '60. Negli anni '80, la Cina ha seguito la sua politica di riforma e apertura e ha superato il Giappone nel 2010 come seconda economia più grande, dopo gli Stati Uniti al primo posto. La volontà politica di portare avanti l'integrazione europea è un'evoluzione positiva che vediamo all'orizzonte, in quanto non solo pone l'Europa su una base di crescita più ampia, ma anche perché rende l'Europa più attraente come piazza d'affari nella competizione internazionale con gli Stati Uniti e l'Asia.

Technological-innovation_2021_906

3. Innovazione tecnologica

La terza tendenza riguarda l'emergere di innovazioni tecnologiche che includono una serie di aspetti individuali come la digitalizzazione, l'intelligenza artificiale (AI), la robotica, le città intelligenti e la blockchain. In linea di massima, il continuo sviluppo delle tecnologie non è una novità, ma rispetto alle innovazioni degli ultimi decenni, questa tendenza aggiunge ora un nuovo elemento essenziale: ovvero quello dell'intelligenza artificiale, e lo sviluppo che questo tipo di intelligenza è sempre più in competizione con l'intelligenza umana.

Climate-Change_2021_906

4.Cambiamento climatico

L'aumento del riscaldamento globale pone enormi sfide alle grandi economie. La comunità scientifica concorda sul fatto che l'aumento di 1,5°C della temperatura globale rispetto ai livelli preindustriali deve essere limitato per prevenire cambiamenti climatici catastrofici. Ciò significa che dobbiamo ridurre a zero le attuali emissioni annuali di gas serra di circa 50 miliardi di tonnellate entro il 2050. La buona notizia è che abbiamo già molte tecnologie per ridurre efficacemente le emissioni di gas serra. L'Europa svolge un ruolo chiave nel raggiungimento degli obiettivi climatici globali, non solo perché contribuisce in modo significativo alle emissioni globali di CO2, e quindi una riduzione delle emissioni di CO2 in questa regione è imperativa, ma anche perché l'Europa dovrebbe assumere un ruolo pionieristico nella produzione e implementazione di tecnologie verdi grazie alle sue competenza industriali e alla sua capacità innovativa.

Equality_2021_906

5. Uguaglianza

La tendenza generale verso una maggiore uguaglianza, in particolare la gender equality, è da accogliere soprattutto perché ha effetti positivi sulla crescita e sul benessere delle persone. Secondo l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere, l'uguaglianza di genere creerebbe circa 10,5 milioni di posti di lavoro aggiuntivi entro il 2050 e aumenterebbe il tasso di occupazione nell'UE a quasi l'80%. Il PIL pro capite in Europa potrebbe aumentare di quasi il 10% in quel momento.

Healthy-Lifestyle_2021_906

6. Stile di vita salutare

Un'altra tendenza sociale con enormi implicazioni economici è la crescente propensione della popolazione globale verso stili di vita sani. Tuttavia, oltre a stili di vita più sani, l'assistenza sanitaria di base sempre migliore ha sicuramente aumentato l'aspettativa di vita media nei paesi OCSE: nei quattro principali paesi dell'Eurozona (Germania, Francia, Italia e Spagna), l'aspettativa di vita media è passata da circa 79 anni nel 2000 a circa 82 anni nel 2019. Una popolazione sempre più anziana nelle nazioni industrializzate, che ha anche stili di vita più sani, non solo allevierà l'onere sulla politica sanitaria, ma cambierà anche in modo permanente il modo in cui le persone anziane consumano e lavorano. I settori specializzati in questo settore avranno un potenziale di crescita più elevato a lungo termine.

Infrastructure-2.0_2021_906

7. Infrastrutture 2.0

Gli investimenti nelle infrastrutture hanno un significativo effetto moltiplicatore poichè aumentano la crescita economica complessiva nel lungo termine, a condizione che gli investimenti siano effettuati in modo efficace e nel posto giusto. Le infrastrutture comprendono principalmente risorse come strade, reti elettriche o porti. L'ultima tendenza, "Infrastrutture 2.0", è quella di integrare la tecnologia nelle infrastrutture pubbliche. Ad esempio, è possibile costruire nuove strade e autostrade che contengono sensori e tracciare veicoli che sono anche dotati di sensori. L'interazione tra veicolo e strada può quindi non solo consentire un migliore controllo del traffico, ma anche aumentare l'efficienza operativa dei veicoli per ridurre le emissioni di CO2. Tuttavia, ciò richiede l'espansione delle reti elettriche e la banda larga, altrimenti i sensori digitali non saranno in grado di sfruttare il loro potenziale per misurare quando e dove esistono esigenze urgenti.