Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

UniCredit riapre Obbligazioni Bancarie Garantite a 5 anni e mezzo per Euro 250 Milioni

UniCredit ha riaperto oggi l'emissione benchmark di OBG a 5 anni e mezzo per 250 milioni di Euro, portando l'ammontare totale a 1 miliardo di Euro.

 

L'operazione, che ha riscontrato un interesse elevato da parte degli investitori, con order book finale ben superiore a 1 miliardo di Euro, è stata curata da UniCredit Corporate & Investment Banking assieme a Credit Agricole, Natixis, Morgan Stanley e Societe Generale

 

Il titolo pagherà cedola pari a 4 %, con rating atteso A/A2/AA+ da parte di Fitch, Moody's e S&P  e il prezzo di riemissione sarà pari a 105,043% dando luogo ad un rendimento equivalente a 190 punti base al di sopra del tasso swap di pari scadenza. A seguito del feedback particolarmente positivo da parte degli investitori, la price guidance è stata rivista al ribasso rispetto alle indicazioni iniziali di circa 200 punti base, ben 100 punti base al di sotto della prima emissione chiusa il 14 agosto 2012 e circa 79 punti base al di sotto del BTP di scadenza similare.

 

La riapertura odierna fa parte di un Programma di 35 miliardi di Euro annunciato nel 2008 e basato su un portafoglio interamente composto da mutui residenziali. A vantaggio dei possessori delle OBG (11.7 miliardi di euro di titoli outstanding, compresi quelli della presente emissione), sono già stati segregati finora circa 20,5 miliardi di Euro di mutui residenziali originati da UniCredit S.p.A..

Globalmente il portafoglio comprende circa 200.000 mutui ed è estremamente granulare (debito residuo medio inferiore a ca. 101.000 Euro); è caratterizzato da un loan-to-value medio pari a ca. 52%, da una concentrazione geografica nel nord e centro Italia, rispettivamente del 58%  e del 21%. La strutturazione del Programma e' stata curata dalla divisione di Corporate and Investment Banking di UniCredit.

 

 

 

Milano, 17 ottobre 2012