Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Cerimonia di premiazione del concorso internazionale rivolto ai giovani "My Europe"

UniCredit, Institute for Corporate Culture Affairs (ICCA) e Frankfurter Zukunftsrat (Future Think Tank) hanno annunciato oggi a Roma i vincitori italiani di "My Europe", concorso internazionale di scrittura rivolto ai giovani.

Alla presenza di Elena Ugolini - Sottosegretario del Ministero dell'Educazione, dell'Università e della Ricerca - Maurizio Beretta, Responsabile Group Identity and Communications di UniCredit e il Prof. Manfred Pohl, CEO di ICCA, hanno premiato i tre migliori articoli:

 

1st DavideCannata, "Europa, Italia: una lezione di integrazione"

2nd Federica Basile, "Sorella E.: il nuovo continente pacifico"

3rd AlessiaTavarone, "La vecchia fenice tornerà a volare"

 

 

UniCredit è il partner unico dell'edizione italiana di "My Europe" che si è svolta a Milano il 17 e 18 Aprile, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e con il Patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

 

 

"L'Europa è molto importante per UniCredit" ha dichiarato Federico Ghizzoni, AD di UniCredit, "Il progetto My Europe svolge un ruolo importante nel sostenere l'Unione Europea dando ai giovani l'opportunità di essere attivamente coinvolti nel perseguimento di obiettivi condivisi".

 

 

24 studenti delle Università di Napoli e Parma hanno partecipato al concorso di scrittura e discusso su temi politici ed economici europei con il Top Management di UniCredit, diplomatici e giornalisti dei principali quotidiani nazionali. Gli studenti hanno poi espresso la loro visione sul futuro dell'Europa scrivendo articoli che sono stati valutati da una apposita commissione valutatrice.

 

 

Il Prof. Manfred Pohl, promotore di "My Europe", ha dichiarato "Sono entusiasta di apprendere dai giovani che cosa pensano dell'Europa e come immaginano il loro futuro. Dobbiamo ampliare il nostro punto di vista e supportare i giovani nel loro percorso che ci condurrà, insieme, verso un comune futuro europeo".

 

 

Roma, 21 giugno 2012