Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

UniCredit annuncia il suo "Green Deal"

UniCredit annuncia il suo "Green Deal": il Gruppo emetterà il 30% di CO2 in meno entro il 2020, supportando l'obiettivo europeo 20-20-20.

 

 

 

E' l'obiettivo dell'Environmental Sustainability Program, avviato in partnership internazionale con il WWF. Saranno ridotte le emissioni degli uffici e delle agenzie ma anche quelle indirette legate a finanziamenti e investimenti. Monitoraggi annuali e, in caso di obiettivi non rispettati, il Gruppo sosterrà progetti compensativi Gold Standard.

 

 

 

UniCredit Group e il WWF hanno firmato una partnership strategica a livello internazionale con l'obiettivo di integrare la sostenibilità ambientale e la lotta ai cambiamenti climatici nel business bancario, in linea con la vision dell'Amministratore Delegato Alessandro Profumo, di diventare Gruppo leader in Europa in termini di Sostenibilità. Il primo impegno ambizioso che UniCredit si è dato è quello di ridurre le emissioni di CO2 del 30% al 2020, supportando l'obiettivo comunitario, noto come 20-20-20, definito nel "Pacchetto Energia e Clima".


"La nostra strategia sul Climate Change" dichiara Paolo Fiorentino Deputy Ceo UniCredit, "è incentrata sulla predisposizione di Policies specifiche ed integrate con il nostro business e sullo sviluppo del nostro Environmental Sustainability Program su 3 direttrici specifiche: la riduzione delle emissioni interne, proprie delle attività bancarie, la riduzione delle emissioni finanziate, legate alle attività di finanziamento, e l'implementazione di specifiche iniziative e progetti di formazione, che contribuiscano a sviluppare una forte identità ambientale di tutti i dipendenti del Gruppo. Quanto detto facendoci anche promotori di iniziative e protocolli internazionali di settore focalizzati sugli stessi obiettivi".


La "roadmap ambientale" di UniCredit prevede quindi l'abbattimento del 30% entro il 2020 delle emissioni di anidride carbonica (obiettivo intermedio -15% entro il 2012) prodotte dagli uffici e dalle agenzie dell'Istituto. Queste emissioni interne verranno monitorate e, in caso di non raggiungimento dei target, il gruppo realizzerà progetti di compensazione fino ad arrivare all'obiettivo annunciato. La compensazione avverrà utilizzando crediti con elevato valore ambientale, i "Gold Standard". Il primo passo in tal senso sarà la determinazione della reale "impronta di carbonio" del Gruppo che attraverso una "Carbon Audit" valuterà le emissioni dirette dovute all'operatività della banca (emissioni interne).


Il secondo pilastro assolutamente strategico ed integrato, in coerenza con l'impegno assunto di riduzione delle emissioni, è l'attenzione alle emissioni finanziate in particolare facilitando gli investimenti in efficienza energetica e fonti rinnovabili, nella consapevolezza del ruolo chiave che può svolgere una banca attraverso la leva finanziaria degli impieghi nella transizione verso una low carbon economy. Il Gruppo svilupperà per questo nel 2009, con il WWF, un modello innovativo nell'industry, in grado di misurare l'impatto reale che il portafoglio di investimenti del gruppo ha sull'ambiente in termini di emissioni di gas serra ed orientare quindi le scelte affinché la banca contribuisca allo sviluppo della Green Economy.

 

In questo ambito è stato realizzato in partnership con il WWF House Efficiency un primo innovativo prodotto sull'efficienza energetica rivolto ai dipendenti del Gruppo in Italia, che sarà lanciato nei prossimi giorni, e che sarà poi esteso agli altri paesi nei quali il Gruppo opera. Si tratta di un finanziamento agevolato supportato da una serie di servizi di consulenza energetica. Il prodotto genererà vantaggi concreti quali il risparmio energetico, il risparmio in bolletta e la riduzione delle emissioni di CO2 che sarà monitorata e certificata per una successiva rendicontazione.

  • Ad esempio per il settore residenziale in Italia, in base ai dati disponibili (consumo / risparmio energetico), in media per abbattere 1 tonnellata di CO2 l'anno, per una famiglia basterebbe investire circa 4.000 euro in interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche della propria abitazione, mentre per le PMI con 10.000 euro è possibile diminuire le emissioni annue di CO2 di circa 12 tonnellate.

 

  •  Questo vuol dire che, per 1 milione di euro in finanziamenti per efficienza energetica, si ottengono riduzioni consistenti di emissioni di CO2:

 

  •    per le famiglie circa 250 tonnellate - per avere un termine di paragone, 250t di CO2 risparmiate corrispondono alle emissioni di circa 110 automobili in un anno, equivalenti a 1,6 milioni di km di percorrenza (1) .
  •     per le PMI circa 1.200 tonnellate - per avere un termine di paragone, 1.200t di CO2 risparmiate corrispondono all'equivalente di 300 viaggi di una persona andata e ritorno Roma-New York (1).


"Con questa partnership ci proponiamo di affiancare UniCredit in un percorso virtuoso di progressiva integrazione della dimensione ambientale all'interno delle strategie del Gruppo. Per il WWF il 2009 è l'ANNO DEL CLIMA e siamo lieti di poter mettere a disposizione le nostre conoscenze e la nostra esperienza per contribuire alla realizzazione di questo ambizioso programma. L'impegno di riduzione delle proprie emissioni da parte di un'istituzione finanziaria leader in Europa è auspicabile. L'orientamento del portafoglio d'investimento e delle linee di credito in termini di agevolazione e sostegno finanziario ai settori più virtuosi, può avere un ruolo strategico nella lotta ai cambiamenti climatici" afferma Michele Candotti Direttore Generale del WWF.


"Il 2009 è un anno cruciale in cui i leader mondiali sono chiamati a intraprendere azioni concrete per fermare il riscaldamento globale, attraverso l'auspicata definizione di un global deal in difesa del clima, che dovrebbe essere siglato in occasione della COP di Copenhagen." aggiunge Kim Carstensen, Leader del WWF Global Climate Deal Initiative.


"Anche in un contesto come quello attuale", prosegue Paolo Fiorentino, "non possiamo non sentirci chiamati a sviluppare il nostro business in modo responsabile, sapendo che la sostenibilità è la leva per il futuro nostro e dei nostri figli e che la salvaguardia dell'ambiente è per noi un impegno ma anche un'importante opportunità di business".

 

 

 

 

Roma, 6 maggio 2009


Contatti

UniCredit Media Relations
+39 02 88628236
e-mail: MediaRelations@unicreditgroup.eu


WWF Press Office Italy
+39 06 84497377
e-mail: c.maceroni@wwf.it