Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Risultati del Comprehensive Assessment 2014

L'ampio e approfondito esercizio di Comprehensive Assessment condotto dalla BCE in cooperazione con l'EBA e la Banca d'Italia conferma la grande capacità di resistenza  di UniCredit agli scenari avversi

 

I risultati complessivi dell'esercizio confermano la solida posizione di capitale di UniCredit, che supera ampiamente tutti i requisiti fissati nel Comprehensive Assessment

 

Il CET1 ratio (1) 2016 è al 7,8% considerando tutte le misure di rafforzamento del capitale intraprese nel 1sem2014

 

Includendo le misure patrimoniali già intraprese in 1sem2014 e riconosciute dalla Banca d'Italia e dalla BCE, il CET1 ratio dopo il Comprehensive Assessment si attesta al 7,5%, un livello molto soddisfacente, che implica un eccesso di capitale di oltre €8,7 mld2

 

L'impatto dell'Asset Quality Review sul CET1  ratio è molto contenuto (19 bp) a conferma della solidità dello stato patrimoniale e dell'approccio prudenziale di UniCredit in merito alla classificazione degli impieghi e agli accantonamenti effettuati

 

Come risultato del Comprehensive Assessment nello scenario avverso ipotizzato dallo stress test, il CET1 ratio si attesterebbe al 6,8%, ben al di sopra della soglia minima richiesta (5,5%)


 

 

Federico Ghizzoni, Amministratore Delegato di UniCredit, ha commentato: "Nonostante le ipotesi estremamente prudenziali del Comprehensive Assessment condotto dalla BCE e dall' EBA - in aggiunta all'attuale quadro macro-economico negativo - il risultato finale dell'esercizio conferma la solidità patrimoniale di UniCredit, con un CET1 ratio nello scenario avverso pari a 6,8%. Questo indice sale a 7,8%,  se si includono le misure patrimoniali intraprese nei primi sei mesi del 2014 e i profitti non distribuiti del periodo indicato che ammontano a circa 100 punti base. UniCredit si conferma una delle banche più resistenti a potenziali shock in Europa con un impatto di soli 298 punti base sul nostro capitale a seguito del Comprehensive Assessment. In particolare l'impatto dell'AQR sul CET1 è molto limitato (19 punti base) a riprova della solidità del nostro stato patrimoniale e dell'approccio prudenziale che abbiamo adottato sia per la classificazione degli impieghi, sia per gli accantonamenti effettuati. Alla luce dei risultati molto positivi del Comprehensive Assessment, UniCredit conferma i suoi obiettivi di utile netto per il 2014 e il suo costante impegno a finanziare privati ed imprese in Italia e in Europa."

UniCredit è stata oggetto dell'esercizio di Comprehensive Assessment ("CA") - condotto a livello europeo dalla Banca Centrale Europea ("BCE"), in cooperazione con l'Autorità Bancaria Europea (European Banking Association - "EBA") e la Banca d'Italia ("Bankit"), prima che la BCE assuma la piena responsabilità della vigilanza nell'ambito del Meccanismo Unico di Vigilanza (Single Supervisory Mechanism - SSM) a partire da Novembre 2014. UniCredit ha preso nota dell'annuncio effettuato oggi da BCE, EBA e Banca d'Italia relativo al CA e conferma il risultato dell'esercizio.

 

 

Risultati del Comprehensive Assessment

 

I risultati del CA effettuato dalla BCE confermano  l'approccio prudenziale di UniCredit in merito agli accantonamenti, la capacità di tenuta dello stato patrimoniale nello scenario avverso dello Stress Test e la solidità patrimoniale sia nel contesto Italiano sia in quello Europeo.

 

I risultati congiunti di Asset Quality Review ("AQR") e Stress Test ("ST")  sono di seguito riassunti:

 

  • nello scenario base [27] bps, che portano ad un CET1 ratio a [9,5]%  a fine 2014,
  • scenario avverso [298] bps, che portano ad un CET1 ratio a [6,8]% a fine 2016.

I risultati sopra indicati si confrontano con il CET1 ratio iniziale del 9,8%  relativo al 31.12.2013.

 

In particolare, l'esercizio del CA può essere riassunto come segue:

 

-   Asset Quality Review: 

 

o   Focus sul rischio di credito: grazie all'approccio prudenziale di UniCredit in merito agli accantonamenti, l'impatto dell'AQR è stato molto contenuto: 19 pb sul CET1 ratio 2013 (rispetto alla media europea di 40 pb) che si attesta a 9,6%. Questo si traduce in un incremento molto ridotto sia del coefficiente dei crediti deteriorati (+1% rispetto alla media di +1,9%), sia del coefficiente di copertura (+0,5% rispetto alla media di +2,8% delle banche soggette al CA) relativo ai portafogli selezionati, confermando così la bontà dell'elevato coefficiente di copertura di UniCredit, superiore al 50% a livello di Gruppo. Una parte rilevante degli accantonamenti aggiuntivi legati all'AQR è già stata effettuata nel 1Sem2014.

 

o   Focus sui rischi di mercato: nessun accantonamento addizionale né in conto economico né sul capitale e nessun accantonamento aggiuntivo riguardo al credit value adjustment (CVA), rispetto a un impatto medio di +27% per le banche soggette al CA; questo conferma la solidità delle metodologie e dei sistemi di valutazione degli strumenti finanziari di UniCredit

 

Stress Test:  allo stesso modo, i risultati degli Stress Test confermano la capacità di tenuta dello stato patrimoniale nello scenario avverso. L'impatto e' di soli 279 pb, rispetto ad un impatto medio pari a 300 pb per le banche soggette al CA nello scenario avverso; ciò conferma gli importanti risultati conseguiti da UniCredit in seguito ai piani strategici basati sulla ristrutturazione dello stato patrimoniale e sulla rifocalizzazione del business. I principali impatti negativi sono relativi agli accantonamenti sui crediti, ai ricavi da negoziazione decrescenti e al minor margine di interesse, date le ipotesi macroeconomiche estremamente severe imposte nell'esercizio da BCE/EBA. Gli altri impatti si riferiscono ad altre deduzioni sul capitale e a maggiori RWA (attività ponderate per il rischio).

 

Misure patrimoniali aggiuntive rese pubbliche nel 1sem2014 e considerate dalla BCE e da Bankit

 

Degni di nota sono gli impatti addizionali sul CET1 2016 (6,79)% derivanti dalle misure patrimoniali aggiuntive intraprese e non incluse nel CA.

 

Gli ulteriori benefici, che ammontano a 73 pb, determinano un CET1 2016 del 7,52%. Tali benefici sono dettagliati nella seguente tabella in base alle comunicazioni della BCE e Bankit

 

Tabella Riassuntiva delle misure patrimoniali aggiuntive

CET1 transitional

(%)

Impatti sul CET1 transitional

(pb)

CET1 ratio a Dicembre 2013

9.77

 

Impatto dell'AQR

9.58

-19

Impatto dello stress Test BCE (Scenario avverso)

6.79

-279

CET1 ratio 2016 dopo il CA della BCE (Scenario avverso)

6.79

-298

Informativa BCE: "Strumenti di capital validi per il calcolo del CET1 (includono dividendi in azioni e rivalutazione della quota in Bankit)

7.07

+28

Informativa Bankit: vendita di attività (includono quotazione di Fineco e vendita di DAB) ed effetti dei nuovi modelli

7.52

+45

CET1 ratio 2016 dopo tutte le misure patrimoniali aggiuntive

7.52

 

 

Le misure patrimoniali aggiuntive quali gli utili non distribuiti nel 1sem2014 si traducono in un CET1 ratio per il 2016 di 7,76%.

 

Sulla base di questi risultati, UniCredit supera notevolmente la soglia minima di capitale prevista dal CA, confermando la grande attenzione da parte di UniCredit alla solidità patrimoniale

 

 

 

Descrizione del Comprehensive Assessment

 

The CA si basa su due pilastri:

 

-   Asset Quality Review (AQR): ha l'obiettivo di aumentare il livello di trasparenza degli stati patrimoniali delle banche, analizzandone la qualità degli attivi, includendo l'adeguatezza della valutazione dei collaterali e dei relativi accantonamenti. Il requisito minimo di capitale (CET1 ratio) richiesto dall'esercizio di AQR è dell'8%. Va sottolineato che i portafogli che sono stati analizzati sono stati selezionati sulla base di un elevato livello di rischiosità. E' altresì rilevante evidenziare che l'AQR è stata condotta sulla base dei dati a fine 2013, caratterizzati da un quadro economico particolarmente avverso.

 

-   Stress Test (ST): effettuato in stretta cooperazione con l'EBA, copre un orizzonte temporale di 3 anni (2014-2016). I requisiti minimi di capitale (CET1 ratio) necessari per lo scenario base e per lo scenario avverso sono rispettivamente dell'8% e del 5,5%. Lo stress test è stato condotto sulla base di assunzioni semplificate comuni a tutte le banche (ad esempio: stato patrimoniale costante a Dicembre 2013, nessuna azione manageriale, etc.), come pubblicato dall'EBA. In aggiunta, si sottolinea che l'esercizio di stress test è disegnato sulla base di scenari ipotetici (what-if), che includono ipotesi plausibili ma estreme, che presumibilmente non sono destinate a materializzarsi.

 

Comprehensive Assessment di Bank Pekao

KNF ha annunciato i risultati officiali del Comprehensive Assessment condotti in Polonia con metodologie simili, e ha confermato l'eccellente solidità di Bank Pekao, in prima posizione all'interno del mercato polacco sottolineando la solidità del suo stato patrimoniale. In aggiunta, l'AQR ha avuto impatti minimi sui già solidi coefficienti patrimoniali di Bank Pekao. Il risultato congiunto dell'AQR e dello Stress Test (nello scenario avverso) porta ad un CET1 ratio 2016 del 18,1%.

 

 

Milano, 26 Ottobre 2014

 

 

I risultati dettagliati dell'AQR e dello ST nello scenario base e in quello avverso e le informazioni sull'esposizione creditizia di UniCredit e sull'esposizione ai Governi nazionali e alle entità governative territoriali sono fornite nelle tabelle allegate, basate sul format comune fornito dalla BCE e dall'EBA.

 

Per maggiori dettagli sulle misure dell'Unione Europea per ripristinare la fiducia nel settore bancario si faccia riferimento ai siti della BCE (http://www.ecb.europa.eu/ssm/assessment/html/index.en.html), dell'EBA  (http://www.ecb.europa.eu/ssm/assessment/html/index.en.html), e di Banca d'Italia (https://www.bancaditalia.it)

 

 

Note

 

1  Il Common Equity Tier1 ratio (CET1) è il coefficiente calcolato secondo le linee guida della BCE nel contesto del Comprehensive Assessment

2  Si rimanda alla pagina web di Bankit (https://www.bancaditalia.it)