Come gestire e risolvere positivamente i conflitti sul posto di lavoro

Time 4 you

giovedì 28 aprile 2022

Il conflitto è parte fisiologica di ogni relazione. Dopo tutto, non ci si può aspettare di essere sempre d'accordo su tutto. La chiave di volta però non è temere o cercare di evitare il conflitto, ma imparare a risolverlo in modo sano e rispettoso.

2:00 min

Che cos’è il conflitto?

A livello molto elementare, il conflitto si verifica quando due persone o un gruppo di persone hanno aspettative molto diverse e sono in disaccordo.

 

Anche la gestione del disaccordo è spesso spiacevole, farlo in modo rispettoso e positivo può diventare un'opportunità per rafforzare il legame tra le persone. Che stiate vivendo un conflitto a casa o al lavoro, sviluppare alcune semplici capacità possono aiutarvi a comporre le differenze di opinione in modo sano e a costruire relazioni più salde e significative.

Parlatevi

Stabilite un'ora e un luogo in modo da poter parlare con calma senza interruzioni esterne.

Quando vi incontrate, ognuno dovrebbe avere il tempo necessario per dire ciò che crede che l'altra parte dovrebbe sentire. Non permettete a nessuno di monopolizzare la conversazione o di avere il

controllo dell'argomento. Ognuno dovrebbe poter parlare del disaccordo e delle sensazioni che questo gli produce

Ricordate, questo non è il momento di attaccare o cercare colpevoli. Concentratevi sul problema, non sulla vostra opinione sul carattere dell'altra persona. Per saperne di più, qui trovate 6 consigli per comunicare rafforzando la vostra cultura aziendale

Ascoltate attentamente

È essenziale prestare tutta la vostra attenzione alla persona che sta parlando. Non interrompetela.

Assicuratevi di comprendere il messaggio che lui o lei intende passarvi. Riformulate e ripetete ciò che avete sentito per esser certi di quello che avete capito. Potreste dire qualcosa del tipo: "Per favore, per essere sicuro di aver ben compreso. Non sei d'accordo perché..."

Fate domande tese a chiarire il problema, se necessario. Potete chiedere all'altra persona di ripetere un'idea centrale o di riformulare il suo disappunto in modo che abbia senso per voi.

L'ascolto dovrebbe essere sempre finalizzato alla comprensione. Non lasciate che tu diventi la vostra occasione per reagire alle parole dell'altro.

Trovate un comune accordo

Anche se la vostra conversazione si concentrerà principalmente sul conflitto, la sua composizione è possibile solo quando si trovano punti di accordo o di compromesso. Dovreste cercare di riportare dalla discussione gli aspetti positivi più che quelli negativi.

Mettete in luce i punti in comune. Condividete esempi o casi in cui siete d'accordo con l'altra persona o riuscite a condividere un altro punto di vista. Per esempio, se non siete d'accordo sulle nuove strategie di vendita, potreste condividere ciò che vi è piaciuto dell'idea dell'altra persona o la sua motivazione a lavorare di più per il team.

Cercare un accordo è la dimostrazione della vostra volontà di cercare un terreno comune e costruire una relazione intorno basata sulla fiducia.