Trend digitali- Aspettando il 2022

mercoledì 29 dicembre 2021

Il nostro nuovo piano strategico è stato presentato ai mercati e un anno di grandi sfide è alle porte. Diamo uno sguardo a cosa ci offrirà il mondo digitale del 2022. 

Cosa ci riservano i social media nel 2022?  Il Covid-19 sarà ancora in cima all'agenda? In collaborazione con Talkwalker, UniCredit ha condotto un'indagine sulle più importanti tematiche digitali del 2022. Ecco cinque delle principali tendenze con cui la nostra azienda e tutti noi saremo chiamati a confrontarci nel nuovo anno.
Di più, meglio, più veloce e più forte: questi sono i concetti chiave dei prossimi mesi.

 

1. La nostra voce parla più forte del distanziamento sociale

Rispetto all’anno scorso ci sono oltre mezzo miliardo di persone in più che utilizzano i social media in tutto il mondo. Pochi sanno che negli ultimi dodici mesi sono aumentate esponenzialmente le conversazioni tramite messaggi vocali, le registrazioni audio e dialoghi voice to voice non real time, il tutto grazie ai supporti tecnologici audio sempre più evoluti. Un esempio: il 73% degli utenti globali di Internet tra i 16 e i 64 anni usa servizi di streaming audio via Internet ogni mese .  

La popolazione ha un forte desiderio di colmare il distanziamento social sempre di più attraverso l’utilizzo della propria voce. Per questo spopola la richiesta e la fruizione di podcast e la radio non è più viva che mai. HypoVereinsBank e UniCredit Corporate & Investment Banking già da tempo sfruttano i podcast per offrire ai propri clienti approfondimenti su temi di finanza ed economia e sono presenti sulle principali piattaforme di audiostreaming con appuntamenti settimanali e mensili

2. Vita dura per le fake news

Il 64,5% degli utenti di Internet riceve le ultime notizie da Facebook, Twitter, YouTube, Snapchat e Instagram anziché dai media tradizionali . 

Il dilagare delle fonti purtroppo favorisce il proliferare delle fake news e, nel tentativo di combattere il problema della cattiva informazione, le piattaforme di social media e i media tradizionali si impegnano nel condividere informazioni fattuali che instaurino un senso di fiducia. Di recente, Twitter ha annunciato una collaborazione con Associated Press e Reuters volta a garantire che solo contenuti di alta qualità appaiano in cima ai risultati di ricerca per argomenti popolari. Bot e fake news hanno i giorni contati!  

UniCredit partecipa alla campagna “i navigati” per sensibilizzare il pubblico alla tutela della sicurezza informatica e la disinformazione online

3. Il metaverso, questo sconosciuto

Tutti ne parlano, ma pochi sanno veramente di cosa si tratta. Il metaverso nasce di fatto nel mondo del gaming ed è diventato una dimensione “parallela” in cui compiere azioni digitali come fare shopping, ricevere assistenza clienti o prendere parte ad eventi interagendo con altri utenti collegati alla stessa stanza virtuale.
Il metaverso è uno spazio a-fisico e a-temporale che però esiste e possiede un enorme potenziale di utilizzo, tanto che a livello globale gli utenti dei social dichiarano di acquisire più competenze dai social network 57% che dall'università 51% 

 

Pensate allora se si potesse avere accesso ad una mostra esclusiva oppure visitare la torre UniCredit, o, perché no, accedere ad una filiale solo tramite uno smartphone o una smart tv - senza spostarsi da casa.

A proposito di piattaforme gaming. Il primo learning business game sviluppato da UniCredit per i suoi dipendenti si è aggiudicato il primo premio agli Efma-Accenture Banking Innovation Awards 2021 nella categoria Future Workforce.

4. L’inclusione sarà sempre più fondamentale

Questi ultimi due anni hanno indotto tutti noi ad essere più esigenti in tema di responsabilità sociale. Anche alla digitalizzazione e alle comunità virtuali viene chiesto di adottare un ruolo di facilitatori dell’inclusione di genere, di cultura e di condizione fisico/mentale. I social media si faranno testimoni di una inclusività genuina. Un’inclusività che deve essere vera e non ostentata, sentita e non strumentale. L’inclusione digitale è per tutti – nessuno deve restare indietro. 

Il nuovo piano strategico di UniCredit prevede un’accelerazione dei processi digitali “Nei prossimi tre anni investiremo 2,8 miliardi di euro nel digitale e nei dati per trasformare la nostra tecnologia. Il nostro modello operativo porterà le competenze principali all'interno della banca, sviluppando un nuovo modo di lavorare, che ha i clienti al centro e si basa su piattaforme comuni "

5. Le comunità saranno fondamentali

Le più note campagne in difesa dei diritti balzate agli onori della cronaca nell’ultimo anno come il movimento BLM oil movimento #MeToo hanno una cosa importante in comune: tutti traggono forza dalla comunità, e ci insegnano che se il mondo digitale progredisce, questo è dovuto agli esseri umani e alle loro relazioni.

La ragion d’essere di UniCredit è proprio quella di fornire alle comunità le leve per il progresso. Generare valore per tutti i nostri stakeholder in tutta Europa e sbloccare il potenziale insito nei singoli e nelle comunità cui offriamo i nostri servizi.

 

Ci aspetta un promettente 2022

Buon Anno Nuovo a tutti!

 

Fonti principali: Hootsuite & We Are Social: "DIGITAL 2021: Global overview report" - GLOBALWEBINDEX.COM  - Talkwalker : "Social media trends 2022 - being successful in the consumer era" -

We are social :"Think Forward 2022"