3 CONSIGLI PER COORDINARE I TEAM QUANDO TUTTI SONO ESAUSTI

Time 4 you

giovedì 01 aprile 2021

01 April 2021

Un anno è un periodo molto lungo per lavorare con le modalità dell’emergenza. E senza avere un orizzonte temporale entro cui terminerà il periodo che stiamo vivendo, la scarica di adrenalina iniziale scende gradualmente verso l'esaurimento mentale e fisico. Se voi e il vostro team state sperimentando la "stanchezza pandemica" non siete soli, provate questi tre consigli per rienergizzare il vostro posto di lavoro e aumentare la resistenza mentale.

2:00 Min
Distinguere tra urgenza e importanza

Quando lavoriamo in modalità “emergenza”, tendiamo a concentrarsci su questioni che richiedono un'azione immediata. Le decisioni a lungo termine passano in secondo piano, rimandate all'era post-Covid o rimosse completamente dall'agenda. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che dimenticarsi degli obiettivi a lungo termine può ritorcersi contro, generando mancate opportunità e a un crollo della crescita del business. Per combattere la tendenza a rimandare certe attività provate a chiedere ai vostri colleghi se sono pronti per l'economia post-Covid. Quali idee hanno per riconquistare il business e i clienti persi? Ritengono che sia meglio dare priorità all'urgenza rispetto al loro normale lavoro quotidiano? E quale impatto sta avendo questa scelta? Ecco 4 modi per far leva sugli obiettivi per dare energia al tuo team oggi.

 

 

Mostra comprensione

Molte persone stanno lottando contro la solitudine e contro crescenti disagi psicologici, quindi dare la priorità al benessere dei propri dipendenti è fondamentale. Questo significa dimostrare empatia, pensare alla loro vulnerabilità e sfruttare le risorse disponibili in azienda. Gli studi ci suggeriscono che dimostrare comprensione durante una crisi abbassa i livelli di stress e aiuta i team a raggiungere i loro obiettivi. Ecco 3 passaggi per rafforzare la cultura della connessione nell'era digitale.

 

Costruire la resilienza

Secondo la società di consulenza internazionale McKinsey, i leader che agiscono con un moderato ottimismo sono in grado di bilanciare ispirazione e speranza nel contesto pratico della gestione dei loro team. Armandosi di un approccio resiliente, le battute d'arresto diventano ostacoli temporanei e le sfide si trasformano in componenti essenziali per la crescita. "Controllare i propri pensieri e decidere di prendere in mano il proprio destino (e aiutare gli altri a fare lo stesso) ci aiuta a trovare la forza mentale per affrontare l'ultimo miglio", spiega lo psicologo Dr. Wedell-Wedellsborg.