Un giorno nella vita di... Stephan Knechtel

Le nostre persone

venerdì 01 ottobre 2021

Questa settimana chiacchieriamo con Stephan Knechtel, Head of Real Estate & Logistics di UniCredit Bank Austria. È un giocatore di squadra con un approccio pratico e gli piace praticare lo "Shinrin Yoku" per rilassarsi e ricaricarsi. Scopri di più!

2:00 min
Work_Stephan-Knechtel

Chi sei, cosa volevi fare da bambino e cosa fai ora in UniCredit?

Chi sono? Una domanda a cui ci sono diverse risposte possibili. Beh, prima di tutto sono Stephan A. Knechtel. Sono felicemente sposato da 25 anni. Sono il padre di una figlia meravigliosa e il padrone del nostro cane di famiglia, un Lagotto Romagnolo, che si chiama Gatsby. Tutta la famiglia vive a Klosterneuburg, un piccolo sobborgo di Vienna.  Quando ero bambino, volevo essere un pilota, un pilota di rally o un supereroe. Crescendo, le mie aspirazioni sono diventate più concrete e ho deciso di diventare un ebanista. Amo ancora oggi l'odore del legno appena tagliato. Sono finito all'università e ho preso un master in economia. Ho poi lavorato in Austria e in vari paesi dell'Asia prima di entrare in Bank Austria circa vent'anni fa. Qui ho ricoperto diverse posizioni a Vienna, Milano e nella CEE. Il mio attuale ruolo professionale è Head of Real Estate & Logistics Austria in UniCredit Bank Austria.

 

Cosa ti piace di più del tuo lavoro e qual è il momento di maggior orgoglio o il più grande risultato della tua carriera?

Il lavoro di ogni giorno con i colleghi è ciò che mi piace di più e ho la fortuna di far parte di un team fantastico. Penso che "portare a termine i progetti" sia la mia specialità, e ho avuto abbastanza successo in questo, dato che sono un giocatore di squadra. Conto sempre: 1 più 1 fa 3 quando si tratta di condividere opinioni ed esperienze. Sono orgoglioso ogni volta che raggiungiamo un obiettivo insieme e si crea quello spirito di squadra che ci fa sentire i campioni del nostro mondo, sia in grande che in piccolo. Il mio più grande risultato è stato la pianificazione e l'esecuzione dell'allestimento del nostro CAMPUS della sede centrale di Vienna. Non so dirvi quanto sia stato bello quando siamo stati il primo team a trasferirsi, 3 anni fa.

 

E qual è la parte più difficile del tuo lavoro o il momento più difficile sul lavoro?

Non avere abbastanza tempo per tutti i dettagli interessanti in cui potrei entrare. Quindi, a volte è difficile lasciare il mio team da solo ad impegnarsi nelle attività quotidiane e occuparmi delle mie responsabilità, come la soluzione di problemi strategici. Spesso devo anche stabilire delle priorità diverse durante il giorno a causa delle dinamiche del nostro business. Questo a volte è piuttosto difficile da gestire.

 

Che consiglio daresti a te stesso più giovane o a qualcuno che sta considerando questo ruolo come carriera?

Trovate i vostri valori che volete difendere e per i quali siete disposti a lottare, e cercate la missione che vi guida veramente. Sulla base di questo, fate "ciò che sentite vostro", non importa cosa sia, perché è quello che sarete bravi a fare ed è quello che vi renderà più felici.

Stephan-Knechtel_private

Come fai a bilanciare la tua vita professionale e personale?

È relativamente semplice: le tengo separate. Prima mi dedico a una e poi all’altra. E quando mia figlia mi dice "Papà, sembri davvero esausto", so che ho subito bisogno di passare all’altra!

 

Cosa ti piace fare per rilassarti dopo una dura giornata di lavoro o in ufficio?

"Shinrin Yoku": è un’espressione giapponese che significa "bagno nella foresta" ed è un modo meraviglioso per rilassarsi e ricaricarsi. Mi ci dedico spesso insieme a mia moglie e al mio cane nel vicino Bosco di Vienna.

 

Come sarebbe la tua giornata perfetta quando non lavori?

Una colazione a tarda mattina, in famiglia, con un tavolo pieno di leccornie e due o tre tazze di moka fatta in casa. Il tempo di leggere il giornale e poi dedicarmi lentamente al giardinaggio. Dopodiché, scivolare verso la sera e godermi qualche iniziativa culturale o fare conversazioni con la famiglia e gli amici, insieme ad un buon bicchiere di vino barrique.

 

Qual è stato l'ultimo libro o l'ultimo film che hai amato? E perché?

Si può considerare un libro l’unione di due saggi di circa 15 pagine? In ogni caso, vale la pena leggere "Indignatevi!" & "Impegnatevi!" di Stéphane Hessel. Questi saggi mi hanno incoraggiato da un lato, ma mi hanno anche fatto pensare.