WOMEN IN LEADERSHIP #1

Le nostre persone
#DiversityMatters

mercoledì 31 marzo 2021

31 March 2021

Susanne Wendler ci racconta come aiuta clienti e aziende con cuore e anima

2:00 Min

UniCredit lancia oggi una nuova serie chiamata Women in Leadership per evidenziare i ruoli, le competenze e gli sforzi di alcune delle sue dirigenti donne che lavorano nei diversi Paesi e aree di business in cui la banca opera.

La nostra prima intervistata è Susanne Wendler, Membro del Management Board di UniCredit Bank Austria, Unternehmerbank, che ci racconta la sua carriera nel settore finanziario, ci dà una visione della situazione attuale in Austria e di come la banca stia supportando aziende e clienti nel suo costante impegno a essere parte della soluzione in questi tempi difficili.

Qual è l'attuale situazione economica in Austria e come stanno reagendo alla crisi le aziende?

Molte aziende stanno cogliendo questa situazione come un'opportunità e stanno impostando la rotta per il domani, vale a dire affinando la loro strategia, investendo sostanzialmente nella digitalizzazione e, soprattutto, nella sostenibilità e nella protezione dell’ambiente, nonché adattando i loro modelli di business. Nonostante la pandemia, o forse a causa di essa, oggi c'è una forte attenzione ai temi del futuro. La crisi è anche una possibilità di creare valore in modo nuovo. Ora è il momento per le aziende di posizionarsi bene per approfittare della prossima ripresa.

 

UniCredit Bank Austria sostiene le aziende in tutti questi ambiti e ha anche fornito alle aziende austriache liquidità e supporto per le sovvenzioni durante la crisi fin dalla prima ondata della pandemia, estendendo prestiti per un totale di tre miliardi di euro (al livello massimo raggiunto) e implementando decine di migliaia di moratorie per un ammontare complessivo ancora di circa tre miliardi di euro.

 

Quali sono i principali insegnamenti che hai tratto dalla pandemia? Di quali iniziative sei più orgogliosa?

Sono orgogliosa di ciò che abbiamo ottenuto per i nostri clienti. Soprattutto all'inizio, quando la situazione ci richiedeva molto. Siamo passati al lavoro a distanza da un giorno all'altro. Abbiamo iniziato a lavorare al mattino molto presto e finito molto tardi la sera per sostenere concretamente l'economia austriaca.

 

Abbiamo elaborato positivamente le richieste di prestiti ponte garantiti dallo Stato, e in soli tre mesi abbiamo dovuto elaborare molto più del volume medio annuale di richieste di finanziamento! Abbiamo creato una task force, i colleghi di tutta la Unternehmerbank hanno lavorato insieme. Questo è stato un momento molto impegnativo per tutti noi ma è stato anche bello vedere come siamo rimasti uniti e abbiamo gestito questa situazione in modo brillante.

 

Come donna con un ruolo dirigenziale in UniCredit Bank Austria, quali consigli daresti alle donne che lavorano nel settore finanziario?

Sono molto favorevole alle carriere delle donne nel mio settore. Naturalmente, anche le condizioni generali sono cruciali e questo argomento è proprio in cima alla nostra agenda. Ha a che fare con i nostri obiettivi per la parità di genere, per far sì che le donne in posizioni dirigenziali siano circa un terzo del totale, e con la nostra offerta di una vasta gamma di misure come asili aziendali e orari di lavoro flessibili per sostenere tutte le donne nel loro percorso di carriera.

 

L'uguaglianza di genere è una questione molto importante e siamo consapevoli che abbiamo ancora molta strada da fare in questo senso. Penso anche che sia molto importante incoraggiare le donne a osare e ad aspirare a posizioni di leadership.

 

Fondamentalmente, ho notato che un uomo di solito dice: "Voglio un posto da dirigente e otterrò le qualifiche". Una donna, invece, dice: "Non lo farò senza qualifiche". Anche se entrambi possono farlo ugualmente bene – lui si fa sentire più facilmente.

 

Puoi dirci di più sul tuo percorso di carriera e sul tuo ruolo attuale?

Ho studiato economia aziendale a Vienna e sono entrata in banca come tirocinante, all'epoca presso Creditanstalt, uno degli istituti predecessori di UniCredit Bank Austria. Questo accadeva poco più di 30 anni fa. Ho attraversato molte fasi emozionanti della mia carriera, tra cui il credit risk, la finanza di progetto e le sovvenzioni. Poi sono approdata al Corporate Network attraverso l'unità Multinational Corporates. Ho sperimentato tutto, dal business con clienti internazionali e grandi aziende alle PMI.

 

Presto ho ricoperto la mia prima posizione manageriale come responsabile di un team. Sono seguite altre posizioni di gestione e dal 2013 sono stata responsabile dell'intera rete aziendale di UniCredit Bank Austria. Da gennaio 2019 faccio parte del consiglio di amministrazione di UniCredit Bank Austria. La cosa più importante è l'interesse e la gioia in ciò che si fa. Sostengo le nostre aziende clienti con passione ed entusiasmo.

 

Quali sono le tue aspettative per il futuro?

Nonostante la pandemia, lo sviluppo economico in numerosi settori dimostra che possiamo guardare al futuro con ottimismo. Naturalmente, le aspettative dipendono molto dal corso dell'infezione - e soprattutto dal successo della vaccinazione. Alcuni settori, come quello industriale, stanno già andando molto bene. Vediamo anche segnali molto positivi in diversi settori dei servizi e nell'industria delle costruzioni, mentre per altri, come il settore dell'ospitalità, la ripresa richiederà più tempo. Tutto sommato, ci sono buone ragioni per essere ottimisti sul futuro.

 

Molte cose rimarranno. Per esempio, l'accesso al lavoro a distanza, che avevamo già implementato prima della crisi e che ora è stato notevolmente ampliato. Tuttavia, sono particolarmente impaziente di riprendere i colloqui personali con i nostri clienti. Il contatto personale nelle aziende, gli incontri agli eventi, il dialogo, al di là delle conversazioni puramente commerciali, che rimane insostituibile per me.