1. Home
  2. One UniCredit
  3. Articoli
  4. 2024
  5. february
  6. German Corporate Conference: i momenti salienti dell'evento di quest'anno
Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Mittente:

Destinatario (indirizzo e-mail):

Dal 15 al 17 gennaio 2024, UniCredit e Kepler Cheuvreux hanno co-ospitato la German Corporate Conference (GCC). L'evento di quest'anno si è rivelato ancora una volta uno dei principali momenti di confronto per aziende, esperti e investitori, che hanno avuto la possibilità di ritrovarsi e condividere idee e opinioni su iniziative, temi e nuove idee in ambito azionario che potrebbero avere un impatto sull'economia e i mercati nel 2024 e negli anni a venire.

2:00 min

Durante i tre giorni dell'evento, che ha visto 2.500 incontri one-to-one, abbiamo accolto 141 società quotate di Germania e Austria, dodici relatori tra i massimi esperti in materia e quasi 400 investitori istituzionali provenienti da tutto il mondo, che hanno condiviso opinioni e approfondimenti non solo sul nuovo anno finanziario, ma anche su come i modelli di business siano destinati a evolvere di fronte alle sfide globali che stiamo affrontando.

23rd German Corporate Conference

Il messaggio principale emerso dalla German Corporate Conference è che, sebbene le possibilità di previsione siano piuttosto limitate, il sentiment delle aziende tedesche e austriache per il 2024 rimane stabile.

 

Durante la Conference dello scorso anno, il Corporate Germany si era fatto portavoce di un messaggio ottimistico, una vera sorpresa dopo gli eventi del 2022. In particolare, erano alte le aspettative legate alla riapertura della Cina e alla fine della crisi dell'approvigionamento energetico.

 

Nonostante i mercati azionari abbiamo registrato un'impennata nell'ultimo trimestre del 2023, durante l'evento di quest'anno il sentiment è stato positivo ma più cauto. Le possibilità di previsione sembrano essere limitate in molti settori, tra i quali quelli automobilistico, chimico e relativo ai beni strumentali.

Gli esperti di geopolitica che hanno partecipato all’evento, il Prof. Dr. Guntram Wolff, Direttore del Consiglio tedesco per le Relazioni Estere, e la Dr.ssa Janka Oertel, Direttore del Programma Asia del Consiglio Europeo per le Relazioni Estere, si sono concentrati principalmente sulle principali sfide che il mondo intero, e tutta l’Europa in particolare, stanno affrontando.

 

Tutti i rischi geopolitici sono chiaramente considerati negativi per lo sviluppo macroeconomico, in particolare per la Germania che è più vulnerabile a causa di un’economia fortemente orientata all’export. Inoltre, ingenti investimenti si renderanno necessari per gestire fattori quali difesa, transizione energetica e nuovi trend demografici. In molte sessioni si è parlato anche del ruolo sempre più importante della Cina e della sua concorrenza alle aziende tedesche ed europee che esportano i loro beni in tutto il mondo. In generale, però, nonostante le molte sfide da affrontare, la maggior parte delle aziende presenti al CCG di quest'anno ha espresso prospettive più positive rispetto all'attuale percezione generale.

"La German Corporate Conference è il modo migliore per iniziare un nuovo anno. Un proficuo scambio di idee e opinioni non solo tra aziende e investitori, ma anche con i nostri clienti, è oggi più importante che mai. Conoscere le sfide che i nostri clienti si trovano ad affrontare permette a UniCredit di continuare a sviluppare servizi di finanziamento e nell’ambito dei mercati dei capitali fatti su misura. In UniCredit siamo costantemente impegnati a offrire soluzioni d’eccellenza che soddisfino le esigenze di tutti i nostri clienti e li possano supportare nel miglior modo possibile", ha dichiarato Jan Kupfer, Head of Corporates Germany.

In collaborazione con Kepler Cheuvreux, UniCredit offre una delle principali piattaforme azionarie paneuropee con un'impareggiabile presenza di investitori, capacità distributive ineguagliate, una ricerca azionaria di altissimo livello e un eccezionale flusso di transazioni, avendo completato con successo oltre 150 transazioni in Europa negli ultimi cinque anni. La nostra piattaforma ha quasi mille titoli under research coverage (“sotto copertura di ricerca”) e l'accesso a oltre 1.200 investitori in Europa.

Samuel Kendall, Head of Advisory & Capital Markets di UniCredit, ha aggiunto: “Questa Conference è una piattaforma unica per dare prova della nostra esperienza in ambito Equity Capital Markets grazie alla solida partnership tra UniCredit e Kepler Cheuvreux. Siamo orgogliosi di essere la banca tedesca leader nel settore ECM, posizione che si basa sul rapporto di fiducia con i nostri clienti e business partner, costruito sulla base della nostra profonda conoscenza del mercato. Essere gli advisor di riferimento per i nostri clienti è cruciale per noi, così come lo è continuare a offrire loro contenuti e consulenze di primo piano, a prescindere dal prodotto specifico. Siamo entusiasti di poter continuare ad avere un dialogo intenso e strategico con i nostri clienti".

In prospettiva, quest'anno ci aspettiamo una crescita del mercato dei capitali azionari (ECM), in linea con quella di attività di follow-on e IPO. Le inversioni di tendenza delle banche centrali, le elezioni statunitensi e gli sviluppi geopolitici globali influenzeranno il mercato dei capitali azionari nei prossimi mesi.

 

Inoltre, ci aspettiamo che le transazioni in ambito ECM siano favorite da specifici progetti di crescita, ristrutturazione del capitale e semplificazione delle strutture aziendali, e che gli investitori le sostengano con un approccio selettivo al leverage e alla liquidità.

 

In UniCredit vogliamo essere sempre al fianco dei nostri clienti e aiutarli a sprigionare appieno il loro potenziale. In questo modo saremo la Banca per il futuro dell'Europa: una Banca che dà ai suoi Stakeholder e alle imprese in tutta Europa le leve per il progresso.

 

Fonte: Dealogic; 1 gennaio – 31 dicembre 2023, al 3 gennaio 2024.