Condividi questa pagina con:

  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Internal Dealing

Il Consiglio di Amministrazione di UniCredit ha approvato la Procedura di Internal Dealing (la "Procedura") che disciplina, tra l'altro, gli obblighi informativi e le limitazioni inerenti alcune tipologie di operazioni aventi ad oggetto azioni UniCredit nonché strumenti finanziari a queste collegati poste in essere dai "Soggetti Rilevanti" di UniCredit e dalle persone a questi strettamente legate.

La Procedura dà attuazione alle prescrizioni normative di cui all'art. 19 del Regolamento (UE) n. 596/2014 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 aprile 2014 ("Market Abuse Regulation" o "MAR") - come successivamente modificato dall'art. 56 del Regolamento (UE) n. 1011/2016 - e dai relativi Regolamenti Delegati (nn. 522/2016 e 523/2016) e alle disposizioni dell' articolo 114, settimo comma, del Decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (il "TUF") ed articoli 152- quinquies.1 e seguenti del Regolamento adottato da Consob con Delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modificazioni ("Regolamento Emittenti") con riferimento ad eventuali Soci che detengano partecipazione superiore al 10% del capitale sociale di UniCredit SpA.

 

Soggetti Rilevanti


I Soggetti Rilevanti di UniCredit sono:
  • i membri del Consiglio di Amministrazione
  • i Sindaci effettivi
  • i membri dell'Executive Management Committee (EMC), inclusi i Permanent Guests.

L'eventuale individuazione di ulteriori Soggetti Rilevanti compete esclusivamente al Consiglio di Amministrazione.

 

A questi, in ottemperanza alla normativa prevista dal TUF, si aggiungono eventuali Soci in possesso di una partecipazione superiore al 10% del capitale sociale di UniCredit SpA, rappresentato da azioni con diritto di voto, nonché ogni altro soggetto che detiene il controllo di UniCredit.

Persone strettamente legate ai Soggetti Rilevanti

Ai fini degli obblighi previsti dalla Procedura di Internal Dealing, i Soggetti Rilevanti dovranno fornire comunicazione anche in ordine alle operazioni poste in essere da:

 

a) coniuge del Soggetto Rilevante o partner equiparato al coniuge ai sensi del diritto nazionale;

b) figli a carico ai sensi del diritto nazionale;

c) parenti che abbiano condiviso la stessa abitazione da almeno un anno alla data dell'operazione di volta in volta da notificare;

d) persone giuridiche, società di persone o trust:

d.1) le cui responsabilità di direzione siano rivestite dal Soggetto Rilevante o da  una persona di cui  alle precedenti lettere a), b) o c); ovvero

d.2) direttamente o indirettamente controllate dal Soggetto Rilevante o da una persona di cui alle precedenti lettere a), b) o c); ovvero

d.3) costituita a beneficio del Soggetto Rilevante o da una persona di cui alle precedenti lettere a), b) o c); ovvero

d.4) i cui interessi economici siano sostanzialmente equivalenti agli interessi del Soggetto Rilevante o da una persona di cui alle precedenti lettere a), b) o c).

 

Per ulteriori dettagli sulle Persone Strettamente legate ai Soggetti Rilevanti ai sensi del TUF si rinvia all'art. 10 della Procedura

Prescrizioni previste dalla Procedura di Internal Dealing

 

La procedura prevede due fondamentali obblighi sui soggetti classificati come Soggetti Rilevanti di UniCredit S.p.A.:

  • di notificare alla CONSOB le operazioni sulle azioni e sugli strumenti di debito quotati di UniCredit (nonché sui derivati e sugli strumenti finanziari ad essi collegati) effettuate dagli stessi e/o dalle persone a loro strettamente legate; e
  • di astenersi dal compiere le predette operazioni in specifici intervalli temporali (c.d. Blackout Periods). 
governance_blackout_1260x844

Blackout periods

governance_individual_holdings_1260x844

Partecipazioni soggetti rilevanti

governance_transactions_1260x844

Transazioni

Aggiornato il 10 Maggio 2019.