Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Ridurre l'impatto ambientale

Dal 2008 abbiamo più che dimezzato le emissioni di gas serra. Nel 2020 abbiamo raggiunto l'obiettivo del 60% di riduzione e siamo sulla buona strada rispetto all'obiettivo  di riduzione dell'80% entro il 2030.

Entro il 2023 tutti i consumi di energia elettrica negli edifici in Italia, Germania e Austria proverranno da fonti rinnovabili. 

Nel corso del 2020, abbiamo raggiunto l'obiettivo in Italia e Germania e siamo sulla giusta strada per conseguirlo in Austria. 

 

Iniziative e progetti

E' importante essere focalizzati sul nostro approccio all'ambiente. Per questo motivo abbiamo adottato iniziative specifiche e progetti.

 

UniCredit ha avviato una collaborazione con Treedom per creare la foresta UniCredit, che consisterà in più di 90.000 nuovi alberi, contribuendo a ridurre la CO2 globale di circa 20.500.000 kg. Tutti i dipendenti di UniCredit avranno l'opportunità di piantare il proprio albero facente parte della foresta di UniCredit.


Per raggiungere il nostro obiettivo di essere plastic free entro il 2023, UniCredit sta distribuendo in tutto il Gruppo bottiglie in metallo riutilizzabili. Tutti i prodotti in plastica monouso di aree break e mense aziendali saranno eliminati dalle sedi UniCredit entro il 2023.


Tra le varie iniziative utilizzate in Italia per monitorare e gestire i consumi energetici di UniCredit, possiamo contare su sistemi di gestione remota degli impianti di climatizzazione (HVAC). Ad esempio, nel corso del 2020, ove possibile, grazie alla gestione da remoto degli impianti di riscaldamento, ventilazione e condizionamento (HVAC), abbiamo ottimizzato i consumi energetici in base alla reale occupazione degli edifici (ad es. nelle filiali temporaneamente chiuse gli impianti sono stati spenti) con un risparmio energetico di circa 1.800 GJ, pari a circa 170 tonnellate di emissioni di CO2 rispetto al 2019.

 

Continuiamo a promuovere soluzioni innovative che rendono possibili le riunioni a distanza, in particolare durante la situazione di emergenza del 2020, al fine di salvaguardare la sicurezza e la salute dei nostri dipendenti. Inoltre la diffusione in Italia di modalità di lavoro flessibile ha permesso di stimare un risparmio di oltre 50 milioni di km di spostamenti casa-lavoro dei dipendenti nel 2020.

 

UniCredit sta inoltre riducendo l'uso della carta grazie a un impiego maggiore della tecnologia. Il progetto Paperless mira a rendere più efficiente e sicuro l'uso dei documenti delle filiali, attraverso lo sviluppo di un processo di gestione basato su una nuova piattaforma informatica, che consente ai nostri clienti di apporre la firma digitale sulle operazioni ordinarie eseguite in filiale.

Fornitori

In UniCredit abbiamo adottato un approccio integrato e olistico rispetto all'analisi di tutte le nostre attività per comprendere e mitigare gli effetti delle nostre pratiche di approvvigionamento; il nostro Gruppo è consapevole della necessità di monitorare i flussi di materiali in entrata e di energia impiegati nelle nostre attività operative e commerciali.


Il modello di approvvigionamento di UniCredit si ispira ai precetti della sostenibilità. I fornitori devono soddisfare alcuni requisiti minimi di sostenibilità e vengono scelti in base agli standard dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro in materia di diritti umani fondamentali, lavoro minorile, libertà di associazione, condizioni di lavoro, parità di retribuzione, salute, sicurezza ed etica di business. I fornitori devono inoltre conformarsi alle regole stabilite dalla nostra Politica Ambientale. A livello di fornitori, i criteri sono integrati in un sistema globale di valutazione dei fornitori.