Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Policlinico di Milano

Policlinico di Milano

Il nostro contributo, € 200.000 Acquisto di presidi sanitari e materiale di consumo

UniCredit Foundation ha sostenuto, nel momento di maggior bisogno, l'Ospedale Maggiore Policlinico di Milano con una donazione destinata all'acquisto di presidi sanitari e materiale di consumo da destinare sia alle attività di ricerca che di assistenza ai pazienti colpiti da Covid 19

Attraverso l'ascolto delle esigenze che la pandemia stava generando in ambito sociale, UniCredit Foundation venne a conoscenza del fatto che l'Ospedale Maggiore Policlinico di Milano si trovava nella necessità urgente di procedere all'acquisto di presidi sanitari e materiale di consumo da destinare sia alle attività di ricerca che a quelle di assistenza ai pazienti colpiti da Covid 19.
Intercettata tale necessità, UniCredit Foundation procedette ad una quantificazione della necessità e prese contatto con Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di natura pubblica.
La necessità venne quantificata in € 200.000 e il Consiglio di Amministrazione di UniCredit Foundation, riunitosi d'urgenza in data 13 marzo, deliberò una donazione di tale ammontare a favore della Fondazione Ca' Granda.Questa donazione segna un cambio di passo fondamentale da parte di UniCredit Foundation nell'erogazione delle donazioni in quanto, consapevole della eccezionalità dei tempi, decide di rinunciare alle donazioni a fronte di progetti e di procedere invece ad erogazioni finalizzate alla copertura di necessità urgenti.
Tale passaggio si dimostrerà fondamentale per consentire alla Fondazione di fornire un sostegno concreto e rapido alle necessità generate dalla pandemia.
Tale cambio di passo peraltro trova fondamento nell'articolo 2 dello Statuto il quale prevede che la Fondazione possa «intervenire in Italia e all'estero e, per quanto attiene al perseguimento di finalità sociali e umanitarie, nelle aree di sottosviluppo ed in quelle colpite da eventi di calamità pubblica oda altri eventi straordinari, rivolgendo la propria attenzione alle sofferenze tipiche delle citate situazioni, al fabbisogno alimentare, alla cura delle malattie endemiche, al sostegno di malati, anziani, bambini ed in generale alle fasce più disagiate delle popolazioni»