Share this event on:

  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

PSD2, cos'è e come cambierà le nostre abitudini

PSD2, cos'è e come cambierà le nostre abitudini

 

 

PSD2, la rivoluzione dei pagamenti elettronici

Ecco cos'è la nuova direttiva europea che allarga gli orizzonti dei servizi bancari di pagamento online, semplificando la vita a milioni di consumatori.

Pagamenti digitali più versatili, comodi e sicuri. La nuova direttiva PSD2 emanata dall'Unione Europea, in vigore anche in Italia dal 13 gennaio 2018, sta rivoluzionando il mondo della digital economy e di conseguenza anche le abitudini di milioni di consumatori europei. Ma vediamo meglio di cosa si tratta.

PSD2 è l'acronimo di Payment Services Directive 2. Questa normativa, che rappresenta un'importante evoluzione della precedente PSD, è stata voluta dal Parlamento Europeo principalmente per creare un sistema dei pagamenti ancora più integrato, sostenendo l'innovazione tecnologica e aumentando il livello di sicurezza dei pagamenti digitali.


Tra gli obiettivi principali della PSD2 c'è quello di accrescere la trasparenza sia per gli operatori di settore che per gli utenti, standardizzando diritti e obblighi dei singoli servizi di pagamento. Altro scopo è quello di aumentare la concorrenza tra gli operatori e tra i mercati nazionali dei pagamenti, garantendo parità di condizioni. 

All'atto pratico, la PSD2 impone alle banche di aprire a terze parti autorizzate, previa autorizzazione dei clienti, le "porte" dei conti e dei dati in loro possesso, utilizzando soluzioni tecnologiche come le cosiddette API bancarie per interfacciarsi tra loro.


Si concretizza così il concetto di Open Banking: l'ingresso nell'ecosistema dei pagamenti di nuovi soggetti, chiamati Third Party Payment Service Provider (o TPP), consentirà la nascita di nuovi servizi e prodotti innovativi user-centered.


Grazie all'Open Banking potremo avere a disposizione app e dashboard che ci consentiranno di gestire conti correnti diversi in un'unica interfaccia di semplice utilizzo. Un'altra novità importante regolamentata dalla PSD2 riguarda il possibile impiego del credito telefonico (prepagato o con addebito in bolletta) anche per operazioni di pagamento diverse da quelle attualmente disponibili (contenuti digitali, attività di beneficenza o biglietti elettronici).


Per quanto concerne il tema della sicurezza la PSD2 introduce il concetto di "Strong Customer Authentication" (SCA) o "Autenticazione forte del cliente" con l'obiettivo di identificare e autenticare in modo univoco il cliente tramite 2 fattori di risonoscimento (ad esempio un pin numerico e un fattore biometrico) disponendo che un prestatore di servizi di pagamento la applichi quando il pagatore accede al suo conto di pagamento on-line o dispone un'operazione di pagamento elettronico. Gli standard tecnici di regolamentazione di questi sistemi di sicurezza, redatti dall' EBA, l'Autorità Bancaria Europea, sono in vigore dal 14 Settembre 2019 su emanazione della Commissione Europea.


Infine, la PSD2 entra nel merito delle frodi online e della manipolazione digitale per offrire maggiore tutela ai consumatori.

Nello specifico, con la nuova direttiva, in caso di pagamenti non autorizzati, ai consumatori potrà essere chiesto di sostenere perdite più limitate, fino a un massimale pari a 50 euro, contro i 150 euro previsti dalla precedente PSD. 


L'intervento a tutela dei consumatori si abbina a quello stabilito dal regolamento (UE) 2015/751 che stabilisce che per le operazioni tramite carte di debito e prepagate ad uso dei consumatori (escludendo le carte aziendali) non è consentito applicare maggiorazioni nel settore del commercio elettronico.

Al momento la PSD2 è ancora alla fase iniziale, ma il sistema ha il potenziale per modificare il nostro modo di effettuare pagamenti e più in generale di fruire la banca.

 

 

La storia della PSD2


Da dove nasce, come si sviluppa, quali saranno i prossimi passi da compiere.

I passaggi legislativi a partire da luglio 2013 (nuove regole UE per la revisione della PSD) fino alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale in Italia (13 gennaio 2018) e i prossimi step.

 

 

Il glossario della PSD2

Le parole chiave per capire la nuova rivoluzione dei pagamenti digitali

Pagamenti online: più sicurezza con la Strong Customer Authentication

 

 

Per far fronte a potenziali rischi e truffe a danno  degli utenti dei servizi di pagamento , la normativa introduce il rafforzamento delle misure di sicurezza, tra le quali l'autenticazione forte del cliente (Strong Customer Authentication).

 

 

 

 

 

PSD2: come orientarsi tra vantaggi e rischi

Con la PSD2, la nuova normativa europea sull'open banking, i dati di pagamento possono essere messi a disposizione anche di soggetti terzi.

Una svolta per l'intero sistema bancario e dei pagamenti, che impone anche agli utenti finali una maggiore conoscenza dei vantaggi e delle criticità di questo sistema. Dal 13 gennaio 2018, data in cui la PSD2 è entrata in vigore nel nostro Paese, ciascun correntista può dare il consenso a fornire i propri dati in via digitale anche a soggetti terzi.


Ma non bisogna trascurare l'aspetto della sicurezza dei dati. Uno degli obiettivi principali della direttiva PSD2 è quello di favorire l'attività di standardizzazione e protezione delle modalità di esecuzione dei pagamenti digitali, per rendere più sicure le transazioni, rafforzando le tutele nei confronti dei consumatori. Saranno necessari, però, diversi passi avanti sul fronte tecnologico.

Per risolvere in modo chiaro i temi della sicurezza e dell'identità digitale, della privacy, dell'autenticazione e dell'identificazione, l'accesso a conti e operazioni bancarie potrà sfruttare servizi informatici come le API standardizzate, solo per citare l'esempio più diffuso, che permettono di accedere in sicurezza ai dati.


La rivoluzione della PSD2 si giocherà insomma sia sul fronte della sicurezza e dell'innovazione tecnologica che su quello dell'educazione finanziaria. Per i consumatori-risparmiatori si tratterà di costruire una nuova competenza, imparando ad esempio a riconoscere i soggetti tecnologicamente più evoluti ma soprattutto più affidabili, e ad orientarsi tra proposte sempre più "su misura", cioè costruite sui bisogni del singolo. Una sfida che, a conti fatti, presenta certamente più vantaggi che criticità.

 

 

ISSUE-12_-PSD2-Infografica-v4

PSD2: come cambiano le nostre abitudini

 

 

 

 

 

L'entrata in vigore della normativa PSD2 e l'Open Banking cambiano le nostre abitudini quotidiane. Maggiore sicurezza e servizi innovativi sono alla base.