Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Luigi Broggi. Memorie e diari di viaggio di un architetto milanese

  • 25

Novembre 2008
Milano, Archivio di Stato, Via Senato 10  
Save

Oggi alle 17.30 all'Archivio di Stato, la presentazione dei Diari del Broggi, resoconto di vita e lavoro dell'autore del Palazzo del Credito Italiano

Ultima tappa del progetto Eclettismo, che ha visto luci puntate su Piazza Cordusio e l'Agenzia di UniCredit Banca che ivi si affaccia, con la mostra di disegni di Giovanni Franzi in Spazio Milano e la pubblicazione del catalogo "Milano dall'eclettismo al futuro. Le architetture di Boito, Beltrami e Broggi disegnate da Giovanni Franzi" (edito da Skira con scritti di Giorgio Bigatti, Maria Canella, Philippe Daverio e Marco Meriggi): la presentazione oggi alle 17.30 all'Archivio di Stato di Via Senato a Milano dei Diari del Broggi,a cura di Maria Canella ed edito da Skira.

La pubblicazione del diario e dei resoconti di viaggio dell'architetto milanese Luigi Broggi (1851-1926), autore di  Palazzo del Credito Italiano, il quartiere generale di UniCredit, è un documento di notevole importanza per la ricostruzione del formarsi della cultura politecnica, nella quale la Lombardia ha giocato un ruolo centrale nel contesto nazionale ed europeo. La parabola umana e professionale di Broggi fornisce, infatti, un esempio importante per l'analisi di numerosi aspetti della fisionomia complessa del professionismo milanese e lombardo tra Otto e Novecento, quali la formazione universitaria e l'apprendistato professionale, i profili e le competenze che le professioni andarono assumendo nella fase dello sviluppo manifatturiero e industriale, i nessi tra professioni, politica e società.

La pubblicazione degli scritti e delle immagini delle opere di Broggi è stata promossa da UniCredit Group, che ha creduto nell'articolato progetto culturale che ha inteso valorizzare il periodo eclettico dell'architettura a Milano tra il 1860 e il 1920 come momento storico cruciale della vita milanese con l'affermazione della città a capitale industriale e finanziaria dell'Italia unita e, in parallelo, con la costruzione del suo nuovo volto moderno in dialogo con le maggiori capitali europee dell'epoca, Londra, Vienna e Parigi. Contesto storico che rimanda in parallelismo perfetto a quanto la città sta affrontando per il prossimo EXPO del 2015: una fase di revisione, messa in discussione e riprogettazione alla luce del contesto globale e internazionale ponendosi nuove sfide e obiettivi.

All'interno della mostra in Spazio Milano un Guest Book ha ospitato le riflessioni che il pubblico di visitatori come il Sindaco Letizia Moratti e l'Amministatore Delegato di UniCredit Alessandro Profumo hanno lasciato pensando alla Milano del Futuro: un documento progettuale con la visione dei milanesi sulla loro città.

La pubblicazione dei Diari nasce nell'ambito del Progetto di ricerca di interesse nazionale del MIUR (PRIN-Cofin 2007) "Professioni e potere nell'Italia moderna e contemporanea", a cura dell'unità scientifica presso il Dipartimento di Scienze della storia e della documentazione storica dell'Università degli Studi di Milano.




Info


Info:

Micaela Poss

Ufficio Stampa & R.E. "Milano dall'Eclettismo al Futuro"

ph. +39 335 832 5001 / +39 02 36538610

www.xsleek.com 

Scarica file 95kB