Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

L'Espressionismo tedesco a Zagabria

  • 16

Ottobre 2008
Galleria Klovicevi dvori, Zagabria  
Save
file

La stampa croata, tv e quotidiani, sta volgendo sempre più attenzione alla mostra German Expressionismche inaugura il prossimo 16 ottobre a Zagabria, alla Galleria Klovicevi dvori. Grandi capolavori in prestito da musei e istituzioni tedesche e dalla stessa collezione UniCredit (attraverso la tedesca HVB, membro del Gruppo) danno vita a un percorso unico per ricostruire uno dei principali movimenti d'avanguardia del Novecento, il primo a dare voce alla soggettività.
L'Espressionismo coinvolse tutte le arti, non solo figurative, e si scagliò contro i valori borghesi nutrendosi dei presupposti ideologici e filosofici di Nietzsche, Bergson, Ibsen, Wedekind, Strindberg. Con questo movimento nasce l'interesse per l'irrazionale, per la natura primitiva dell'uomo, per le motivazioni dell'inconscio che spesso sfociano nell'angoscia esistenziale.

Nel 1910 il Gallerista Paul Cassirer fu tra i primi ad usare il termine "espressionista" in contrapposizione a "impressionista" nel descrivere un'opera di Max Pechstein; l'Espressionismo ebbe i suoi anni di maggior rigoglio tra il 1905 e il 1914 avendo come centri di diffusione diverse città tedesche oltre che una sorta di corrispettivo, in Francia, nell'esperienza dei Fauves. Tra le città maggiormente coinvolte, la stessa Monaco - un centro tra i più vivi in Germania dal punto di vista culturale e artistico e sede storica di HVB  - dove già al 1982 risale la prima Secessione promossa e diretta da Franz von Stuck a sostegno delle correnti nuove quali lo Jugendstil e Simbolismo. Quindici anni dopo una nuova generazione - Vasilij Kandinskij, Gabriele Münter, Alexej Jawlenskij, Marianne von Werefkin, Adolf Erbsloh e Alexander Kanoldt - fondò la "Neue Künstlervereinigung München" che rinnovò ulteriormente i linguaggi espressivi; da questa associazione partì nel 1911 una nuova divisione, il Blaue Reiter, dominata dalla personalità di Kandinskij e dalla sua tensione verso lo spirituale e verso un cromatismo antinaturalistico che sfocerà di lì a poco nell'Astrattismo.

Kandinskij ma anche Klee, Dix, Kirchner e Beckmann sono gli artisti esposti per la prima volta a Zagabria, in un' esposizione che unisce Croazia e Germania rappresentando per il pubblico un' occasione unica.
La scena artistica dei Paesi dell' Est e del centro Europa si sta confermando, a livello internazionale, come una delle aree più vitali e dinamiche, sia per le energie spese per attivare piattaforme di scambio e centri di diffusione e produzione culturale, sia per il sostegno ai giovani artisti originari di queste zone. Il Gruppo UniCredit, attraverso le diverse banche che lo compongono tra cui Zagrebačka banka, è da sempre impegnato nella promozione di diverse iniziative volte a valorizzare le espressioni artistiche, la storia e l'identità dei 22 Paesi in cui opera.

(nella foto : Gustav Wunderwald, Harbour, 1924 HVB Collection)




Info

 

Klovicevi dvori Gallery
Jezuitski trg 4,
tel.+385 1 48-51-926

www.galerijaklovic.hr/