Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

George Braque al Bank Austria Kunstforum di Vienna

  • 14

Novembre 2008
Bank Austria Kunstforum Freyung 8, Vienna  
Save
file

Proprio commentando i dipinti di George Braque, esposti alla galleria Daniel-Henry Kahnweiler di Parigi nel novembre del 1908, il critico Louis Vauxcelles adotta per la prima volta il termine "cubismo" . Dallo scambio e dalla stretta collaborazione tra Picasso e Braque prende avvio tra il 1909 e il 1914 una profonda innovazione del linguaggio pittorico e plastico che ha rivoluzionato il modo di concepire lo spazio, i volumi e le forme. Mettendo in crisi gli schemi della prospettiva tradizionale attraverso la scomposizione dei piani e la presenza simultanea di più punti di vista, il Cubismo ha introdotto una visione di tipo concettuale, capace di svincolarsi dalla mera rappresentazione della realtà.

Una grande retrospettiva dedicata a George Braque inaugura il 14 novembre al Bank Austria Kunstforum di Vienna, centro d'arte di Bank Austria membro di UniCredit Group. L'esposizione, curata da Heike Eipeldauer (del Bank Austria Kunstforum) e da Caroline Messensee, ripercorre la produzione di una delle figure chiave del Cubismo avvalendosi di importanti prestiti internazionali dalla Tate Modern di Londra, al Guggenheim Museum e al MoMA di New York, al Kunstmuseum di Basel. Ben ottanta dipinti uniti alle grafiche più rilevanti raccontano il percorso del grande artista francese, i suoi contatti con l'esperienza espressionista e con il gruppo Fauves, l'invenzione del papier collé, il decisivo interesse per la natura morta fino agli ultimi sviluppi più "lirici" della sua ricerca.

Ampio spazio è inoltre dedicato alla serie degli "Ateliers", numerose variazioni sul tema che hanno come oggetto d'indagine lo studio dell'artista, un inesauribile archivio di forme e materiali dove ogni energia sembra convergere.

La mostra - visitabile fino al 1 marzo - è anche un'occasione per scoprire l'ultimo periodo di Braque, quando negli anni Cinquanta l'artista si rifugia in Normandia ritornando al genere del paesaggio su opere di piccole dimensioni dall'inteso carico poetico.

In occasione della retrospettiva è pubblicato un catalogo, Georges Braque (Hatje Cantz, Ostfildern-Ruit), che si avvale dei contributi di Neil Cox, Heike Eipeldauer, Edith Futscher, Christopher Green, Caroline Messensee, Nicolas Surlapierre e Juliane Vogel.

(nella foto : Georges Braque Das Atelier VIII (L'Atelier VII), 1954/55 Colección Masaveu, Oviedo 
© Foto: Gonzalo de la Serna, Madrid © VBK, Wien, 2008/09)



Info


George Braque
14 novembre 2008 al 1 marzo 2009
Bank Austria Kunstforum
1010 Vienna, Freyung 8

www.bankaustria-kunstforum.at