Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

LA PIATTAFORMA ALPINA - Tra capitalismo delle reti e sviluppo locale

  • 09

Luglio 2007
Forte di Bard - Bard (Aosta)  
Save

Il 9 luglio a Bard (Aosta) presso l'Associazione Forte di Bard, il convegno "La PIATTAFORMA ALPINA - Tra capitalismo delle reti e sviluppo locale", dedicato ai modelli di sviluppo dei territori compresi nell'arco alpino. Promosso congiuntamente dai Comitati Locali UniCredit Alessandria-Asti-Cuneo; Pedemontana Lombarda; Torino-Canavese; Trento-Bolzano; Trieste-Gorizia; Udine-Pordenone; Valle d'Aosta, l'evento intende riflettere sulle condizioni alla base dello sviluppo socio-economico dei territori montani secondo una prospettiva non localistica.

La piattaforma alpina, che va dalla Valle d'Aosta al Friuli Venezia Giulia, acquisisce oggi una rilevanza che eccede l'essere spazio di frontiera, distretto turistico od oasi ecologica del buon vivere. Da qui l'esigenza di promuovere una visione dello spazio alpino che valorizzi, accanto a quelle territoriali, anche possibili identità comuni.

La montagna è investita da più flussi di cambiamento. Aem, Enel, non sono più modernizzatori dall'alto con cui scambiare acqua con risorse per il territorio. Le imprese delocalizzano. Anche le banche non sono più soltanto locali. L'economia del nuovo secolo procede per eventi come le Olimpiadi, per flussi come l'alta velocità in un'epoca in cui acqua e territorio diventano risorse scarse.

L'obiettivo è dunque fornire rilevanza "pubblica" ad alcune tematiche d'importanza prioritaria per il futuro dell'economia e delle società montane. La questione delle risorse idriche ed energetiche, la qualificazione dell'offerta turistica, la modernizzazione dei sistemi produttivi locali, sono i nuclei tematici intorno ai quali sono chiamati a discutere soggetti economici territoriali, operatori turistici, manager di utilities, rappresentanti delle istituzioni, insieme con esponenti di UniCredit..


Info

 

A Giuseppe Bordon - presidente Comitato Locale UniCredit Valle d'Aosta il compito di aprire i lavori della giornata. Dopo i saluti di benvenuto da parte di Luigi Giudobono Cavalchini Garofoli - presidente UniCredit Private Banking e di Luciano Caveri - presidente Regione Autonoma Valle d'Aosta, tre relazioni introduttive di carattere generale, affidate rispettivamente a Dario Ceccarelli - ricercatore presso Dip. Politiche del Lavoro, regione Valle d'Aosta, Giampiero Maracchi - direttore Istituto di Biometereologia CNR, Firenze e Angelo Pichierri - presidente IRES Piemonte.

A seguire due tavole rotonde. "Montagne a confronto: problematiche, risorse e opportunità dell'Arco Alpino", accompagnati da Francesco Antonioli - caposervizio de "Il sole 24 ore Nord Ovest" ne discutono: Marco Camoletto - presidente Distretto Tecnologico del Canavese; Maria Luisa Coppa - presidente ASCOM, Torino; Gioachino Gobbi - presidente e amministratore delegato Grivel Srl, Courmayeur; Gianfranco Marten Perolino - presidente Cooperativa Forza e Luce, Aosta; Stefano Masini - responsabile Area Ambiente e Territorio Coldiretti; Pietro Monti - presidente Comitato Locale UniCredit Trento-Bolzano; Luisa Vuillermoz - direttore Fondation Grand Paradis, Cogne.

La seconda, "Capitalismo delle reti, governance e sviluppo nelle aree alpine" , dibattito e confronto con Luciano Caveri - presidente Regione Autonoma Valle d'Aosta; Evelina Christillin - presidente Fondazione Teatro Stabile Torino; Lorenzo Dellai - presidente Provincia Autonoma Trento; Roberto De Martin - direttore generale Federlegno; Roberto Moisio - capo Gabinetto Presidenza Regione Piemonte; Roberto Nicastro - vice direttore generale UniCredit Spa; Augusto Rollandin - presidente Compagnia Valdostana delle Acque Spa, Chatillon; Giuliano Zuccoli - presidente AEM Spa, Milano. Accompagna il dibattito Aldo Bonomi, direttore Consorzio AAster.