Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

Le reti di Territorio: I Comitati Locali UniCredit e la soft economy

  • 19

Luglio 2007
Bevagna (PG)  
Save

Il 19 luglio a Bevagna (Perugia) presso il Teatro Torti il convegno "Le reti di territorio: i Comitati Locali UniCredit e la soft economy", promosso dai Comitati Locali UniCredit Bologna-Imola-Ferrara; Marche; Modena-Parma-Piacenza-Reggio Emilia; Ravenna-Rimini-Forlì Cesena; Umbria , congiuntamente a Symbola - Fondazione per le qualità italiane e ad ANCI/Res Tipica.

L'evento, collocato all'interno dell'annuale "Seminario estivo della Fondazione Symbola", momento collegiale di riflessione sulle tante declinazioni dello sviluppo territoriale e della sfida della qualità, vuole essere un ulteriore spazio di dibattito sulla cosiddetta "soft economy" un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione, che trova negli elementi fondanti della sua cultura produttiva - come ad esempio il paesaggio, il territorio, il modo di vivere, l'identità, la storia - le radici di una rete di qualità che punta a trasformare l'intero paese in un brand di successo.

Un modello di sviluppo qualitativo in grado di coniugare crescita economica, coesione sociale e sostenibilità ambientale, traendo forza dalle comunità e dai territori.

Diventa perciò di fondamentale importanza sostenere le tante imprese che della qualità fanno la loro vocazione, ricercando quelle forme di accompagnamento che possano sostenerle nel processo di trasformazione da una dimensione locale alla sfida del mercato globale.


Info

 

A dare il benvenuto Maria Rita Lorenzetti, Presidente della Regione Umbria e Riccardo Della Valle, Responsabile Relazioni con le Comunità Locali UniCredit Group.

A seguire, due tavole rotonde sui temi specifici dell' "economia della qualità" con l'accompagnamento di Aldo Bonomi, Direttore Consorzio AAster:

"La soft economy e le reti delle tipicità territoriali", a dibatterne: Nicola Alemanno, presidente Associazione "Città dei Sapori"; Roberto Angelucci, presidente Associazione "Cittaslow"; Stefano Collina, presidente Associazione "Città della Ceramica"; Rosario d'Acunto, presidente Associazione "Città della Nocciola"; Antonella Galdi, responsabile Area Sviluppe e Turismo ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani); Vanessa Pallucchi, presidente Legambiente Umbria; Fiorello Primi, presidente Associazione "I Borghi più belli d'Italia".

"La soft economy e le reti della competizione globale", dibattito/confronto tra alcune imprese protagoniste della soft economy del territorio umbro, marchigiano e romagnolo, rappresentanti del mondo istituzionale, delle associazioni e delle autonomie funzionali ed esponenti di UniCredit Group. Partecipano: Andrea Babbi, amministratore delegato Apt Servizi Srl Emilia Romagna; Marco Caprai, amministratore delegato Arnaldo Caprai Società Agricola Srl, Montefalco (Pg); Roberto Di Vincenzo, amministratore Symbola Fondazione per le Qualità Italiane; Alviero Moretti, presidente CCIAA Perugia; Rodolfo Ortolani, vice direttore generale UniCredit Banca; Maurizio Taormina, vice presidente Provincia di Rimini; Paolo Terenzi, presidente Cereria Terenzi Evelino Srl, San Giovanni Marignano (Rn); Orietta Maria Varnelli, amministratore delegato Distillerie Varnelli Spa, Muccia (Mc); Federico Vitali, presidente Confindustria Marche e amministratore delegato Faam Spa, Monterubbiano (Ap).

Le conclusioni saranno affidate all' On. Ermete Realacci, Presidente Symbola Fondazione per le qualità italiane.