Share this event on:
  • LinkedIn

Recomend this page

Grazie, la tua segnalazione è stata inviata correttamente.

Spiacenti, questa funzionalità non è disponibile al momento.
Per favore prova con questo link. Grazie

In onda il secondo spot della nuova campagna di UniCredit Banca

  • 27

Febbraio 2006
Milano  
Save
file

Milioni di bambini e adolescenti sono privati dei loro diritti da sfruttamento e guerre. Trecento milioni di bambini nel mondo soffrono la fame. Oltre 100 milioni non sono mai entrati in un'aula scolastica .
A tutti loro è dedicato il film "All the Invisible Children" , che uscirà nelle sale italiane il 3 marzo, dopo l'anteprima il 28 febbraio a Roma, alla presenza del Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi.

 

UniCredit Group ha scelto di contribuire a questo progetto in quanto pienamente coerente con i valori su cui fonda il proprio modo di fare impresa, volto a coniugare la profittabilità con la sensibilità e la responsabilità verso tutti i contesti sociali in cui opera.
In questa chiave di lettura deve essere vista anche l'attività di Unidea, la Fondazione no profit voluta da UniCredit Group, quale strumento per operare efficacemente nel settore della solidarietà sociale e della cooperazione allo sviluppo.

 

"All the Invisible Children" tratta il tema del disagio infantile in una prospettiva multi-culturale, la stessa che UniCredit Group adotta nello svolgimento della sua attività economica che mira a valorizzare le peculiarità delle singole comunità territoriali in cui opera.

 

IL FILM

 

All the Invisible Children nasce da un'idea della produttrice Chiara Tilesi che, nel 2002 insieme a Stefano Veneruso, suo partner produttivo nella MK Film Productions, ha creduto nella possibilità di realizzare questo film.
Sette episodi diretti da otto grandi registi - Medhi Charef, Emir Kusturica, Spike Lee, Katia Lund, Jordan Scott e Ridley Scott, Stefano Veneruso e John Woo - che hanno donato ai "bambini invisibili" il loro nome e il loro immenso talento creativo.
Il film si avvale, inoltre, della coproduzione di Rai Cinema e della distribuzione, per l'Italia, della 01 Distribution.

 

Il film riesce a dar voce ai bambini, consentendo loro di uscire dall'invisibilità e di comunicare sentimenti e storie in prima persona. Tutti gli episodi scelgono approcci problematici ai temi affrontati ed emerge forte, anche nelle situazioni più dure, la capacità di recupero e speranza dei bambini, la loro capacità di inventarsi e costruirsi un futuro. A condizione che il mondo degli adulti scelga di vederli, e di aiutarli.

 

Il brano "Teach Me Again", che accompagna il film, è stato scritto e prodotto da Elisa, è interpretato da Tina Turner ed Elisa e sarà pubblicato da Caterina Caselli per l'etichetta Sugar.

 

IL FONDO

 

Il film vuole essere anche un'occasione per dar vita a un concreto progetto per l'infanzia e per la lotta alla malnutrizione infantile in Africa.
All the Invisible Children è infatti anche un fondo promosso dalla Cooperazione Italiana allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri, per la realizzazione di programmi che l'Italia attua con le Agenzie delle Nazioni Unite PAM (Programma Alimentare Mondiale) e UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia), nel quale confluiranno i proventi del film e delle iniziative ad esso collegate (mostre, video, CD musicali).

 

I primi fondi, raccolti anche grazie al sostegno di UniCredit Group, sponsor del film, verranno impiegati dalle due agenzie ONU per un progetto congiunto di lotta alla malnutrizione infantile in Niger, un paese devastato da ricorrenti siccità e con un tasso di mortalità infantile tra i più alti del mondo.

 

Puoi sostenere anche tu il fondo "All the Invisibile Children":

 

  • puoi effettuare un versamento sul conto corrente IT/58/O/02008/01600/000040904090 - presso le agenzie UniCredit Banca

 

  • se sei cliente UniCredit Banca puoi effettuare la tua donazione anche tramite la banca via Internet.

 

 

 

Info

 

UniCredit Group è tra le imprese quotate nel Dow Jones Sustainability Group Index, l'indice mondiale promosso dell'americana Dow Jones e della svizzera Sam (Sustainability Asset Management) che misura il grado di responsabilità sociale delle imprese.

Anche l'europeo FTSE4Good, l'indice che ammette solo imprese "environmentally and socially correct", lanciato da Financial Times e London Stock Exchange, giudica corretto UniCredit Group e lo inserisce sia nell'indice europeo sia in quello mondiale.

 

Visita il sito www.alltheinvisiblechildren.org 

all the invisible locandina.pdf 1757kB
UniCredit locandina.pdf 279kB